Tutto scuola

31 Luglio 2022

Polemica Salvini e Forza Italia vs Calenda sui licei. Che campagna elettorale ci aspetta?

Polemica Salvini e Forza Italia vs Calenda sui licei. Che campagna elettorale ci aspetta?

31 July 2022

La campagna elettorale è iniziata e si parla anche di scuola. Ma come?

Un primo segnale viene da una polemica sull’istruzione tecnica e professionale. Vediamo di cosa si tratta.

In una ampia intervista rilasciata al Corriere della Sera lo scorso 5 maggio il segretario di Azione, Carlo Calenda, aveva risposto così alla  domanda di Candida Morvillo sul punto di partenza per un auspicato cambiamento epocale di valori:  “Bisogna partire dalla scuola, smettendola di trascurare il sapere non funzionale. Cito Bertrand Russell, che scrive L’elogio dell’ozio non nel senso di non fare un tubo, ma di elogio di un sapere funzionale all’anima, e faccio una proposta: tutti i ragazzi italiani di qualunque condizione sociale devono fare il liceo. Chi fa liceo e università risulta fra i migliori studenti d’Europa, chi fa studi tecnici è fra i reietti che non leggono un libro, non conoscono i poteri dello Stato. Gli studi professionali e tecnici devono essere rinviati a dopo. Prima, dobbiamo formare uomo e cittadino. In una società del benessere, fino a 18 anni, s’imparano arte, storia, musica, cultura, cose che daranno un vantaggio competitivo e che, soprattutto, eviteranno la frustrazione che deriva dall’essere incanalati verso una professione che, tanto, cambierà e senza avere altro mondo che non stare sui social e comprare cavolate. Io, ai miei figli, ho vietato videogiochi e telefonini fino ai 14 anni, così che si abituassero, invece, a leggere libri”.

Nei giorni scorsi questo passaggio dell’intervista (anzi un estratto di quella risposta), dedicata peraltro più all’esperienza di vita dell’uomo Calenda che alle sue proposte politiche, è stato estrapolato e gettato nell’arena del dibattito elettorale, come se fosse una proposta di oggi e non una riflessione di tre mesi fa. Conseguenza: immediato tweet del leader della Lega, Matteo Salvini: “Carlo Calenda vuole tutti al Liceo, basta con Istituti Tecnici e Professionali. A me sembra una sciocchezza, a migliaia di persone che stanno commentando la proposta sui social anche”. Il sottosegretario leghista Rossano Sasso rafforza il concetto: “Pensare che le ragazze o i ragazzi che studiano in un istituto alberghiero o che hanno intrapreso un percorso professionale nel campo industriale o artigianale non siano in grado di leggere e comprendere un libro è un vero e proprio insulto”.

Anche Valentina Aprea, responsabile scuola di Forza Italia, afferma che quella di Calenda “è una proposta sbagliata e anacronistica che porterebbe ad aumentare ulteriormente la dispersione scolastica e formativa già molto alta nel nostro Paese e azzererebbe l’Istruzione e Formazione Professionale delle Regioni”, e non manca di osservare che di ciò dovrebbe essere ben consapevole Mariastella Gelmini, già ministro dell’Istruzione di Forza Italia, che invece proprio in questi giorni ha aderito ad Azione, il partito di Calenda. Per Aprea “solo percorsi secondari e superiori, distinti, ma di pari dignità educativa, culturale e professionale, come ci raccomanda l’Europa e come si è iniziato a fare in Lombardia, garantiscono il pieno successo formativo ed una occupabilità al passo con i tempi”. Sulla difesa di un secondo canale forte di istruzione tecnica e professionale c’è da pensare che Forza Italia sarà un guardiano attento e inflessibile. 

Secondo Erica Mazzetti, deputata di Forza Italia, Calenda “ha lanciato una proposta anacronistica, ovvero il ‘liceo obbligatorio’ per tutti, a prescindere da competenze, attitudini e progetti di vita“. 

Per la verità nel programma di Azione si legge che si ritiene necessario allungare il periodo della scuola dell’obbligo a 18 anni, mentre non si fa riferimento a un liceo obbligatorio e neanche a una riduzione dell’istruzione tecnica e professionale. Sarebbe opportuno che il segretario di Azione chiarisca meglio le intenzioni del suo partito su un tema che è all’ordine del giorno perché il Governo dimissionario dovrà presto presentare la riforma dell’istruzione tecnica e professionale prevista nell’ambito del PNRR. Secondo alcuni “rumors” tale riforma – che verrà presentata dal Governo ma che potrebbe non avere i numeri in Parlamento – potrebbe addirittura prefigurare un biennio unico, con la scelta dei percorsi liceali o dell’istruzione tecnica o professionale rimandata di due anni. Sarebbe una novità dirompente, ma per ora è solo una voce non controllata. Se ne saprà di più probabilmente a settembre.

Insomma è partita la campagna elettorale, e così un dibattito che meriterebbe ben altra attenzione e approfondimento come quello di un core curriculum universale per tutti i giovani fino a 18 anni (un tema all’attenzione dell’ONU, dell’Ocse e degli studiosi della società postindustriale in via di digitalizzazione) cede il passo in Italia a una dialettica alla ricerca del consenso di chi sarà chiamato a votare tra meno di due mesi. 

C’è da augurarsi che la scuola sia posta al centro della campagna elettorale, ma sulla base di analisi documentate e riflessioni approfondite.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Polemica Salvini e Forza Italia vs Calenda sui licei. Che campagna elettorale ci aspetta?

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Oggi a Catanzaro, presso la Cittadella della Regione Calabria, il Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara ha presentato l’Agenda Sud: un progetto del MIM rivolto… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Seconda prova maturità 2023: l’esame di Stato torna a essere quello che era prima della pandemia e i maturandi non stanno più nella pelle per l’agitazione. Siamo… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Nel corso del convegno “A cosa serve la scuola?”, organizzato nei giorni scorsi a Milano dal network di associazioni “Ditelo sui tetti”, il ministro dell’Istruzione e… [...]

Pubblicato da Italo Fiorin Il tema della valutazione degli apprendimenti e della qualità dell’offerta formativa ha assunto una rilevanza come mai ne ha avuta in passato. Il suo oggetto (“che… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola La valutazione è solo una procedura a valle della didattica o è un processo utile a migliorare l’insegnamento e l’apprendimento? Rispondere a questa domanda richiede di… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 10 Giugno 2023

Tamaro, Verga e la contemporaneità: nel 47% dei casi il programma del quinto anno non va oltre la Seconda Guerra Mondiale

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Tamaro, Verga e la contemporaneità: nel 47% dei casi il programma del quinto anno non va oltre la Seconda Guerra Mondiale 10 June 2023 Qualche settimana fa la scrittrice Susanna Tamaro è stata criticata per aver detto che scrittori come Giovanni Verga non riescono a far appassionare i ragazzi alla lettura e che l’insegnamento della letteratura italiana nelle scuole è da rivedere.

NOTIZIE 10 Giugno 2023

Ultimo giorno di scuola, alunni cantano “Faccetta nera” in cortile e fanno il saluto romano: la preside li manda a casa

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Ultimo giorno di scuola, alunni cantano “Faccetta nera” in cortile e fanno il saluto romano: la preside li manda a casa 10 June 2023 Ancora cronache dai festeggiamenti per l’ultimo giorno di scuola nei vari istituti italiani: stavolta ci troviamo nel biellese, alla scuola media di Cavaglià.

NOTIZIE 10 Giugno 2023

Le vacanze estive in Italia non sono affatto troppo lunghe, i docenti non hanno ferie infinite e non ci sono Paesi più “virtuosi”

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Le vacanze estive in Italia non sono affatto troppo lunghe, i docenti non hanno ferie infinite e non ci sono Paesi più “virtuosi” 10 June 2023 Avrà mai fine il tormentone delle vacanze estive troppo lunghe nel sistema scolastico italiano – i famosi e presunti tre mesi – mentre negli altri Paesi più “virtuosi” durano al massimo dalle sei alle otto settimane? I famosi – e presunti, ribadiamo – tre mesi, citati anche a sproposito con una certa malcelata rabbia come l’infinito periodo di ferie dei docenti? Ne abbiamo parlato anche noi in questi giorni e a corredo del nostro articolo abbiamo pubblicato un’infografica fornita da Eurydice, la rete istituzionale che raccoglie, aggiorna, analizza e diffonde informazioni sulle politiche, la struttura e l’organizzazione dei sistemi educativi europei.

NOTIZIE 10 Giugno 2023

Organico aggiuntivo: lo “inventò” Guido Bodrato, ministro dell’Istruzione a inizio anni 80, morto l’8 giugno. Nostra intervista a Luciano Corradini

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Home Attualità Organico aggiuntivo: lo “inventò” Guido Bodrato, ministro dell’Istruzione a inizio anni 80,… All’età di 90 anni è morto Guido Bodrato, democristiano doc, fu Ministro dell’Università e dell’Istruzione dal dicembre del 1980 fino alla fine del 1982.

torna all'inizio del contenuto