Tutto scuola

14 Settembre 2022

Povertà educativa, l’allarme di Save the Children: ‘Aumentino le risorse per l’istruzione’

Povertà educativa, l’allarme di Save the Children: ‘Aumentino le risorse per l’istruzione’

14 September 2022

Povertà educativa: la scorsa settimana Save the Children ha lanciato un rapporto, intitolato “Alla ricerca del tempo perduto – Un’analisi delle disuguaglianze nell’offerta di tempi e spazi educativi nella scuola italiana, il cui testo è scaricabile dal sito, focalizzato sul tema della relazione tra le disuguaglianze dell’offerta formativa sui territori e gli esiti scolastici, con particolare riferimento alla condizione dei minori in svantaggio socioeconomico. L’interessante rapporto – ricco di approfondimenti – non contiene vere novità, ma raccoglie e analizza in modo unitario il tema della povertà educativa in Italia, evidenziando il fatto che se la dispersione implicita al termine della scuola secondaria superiore raggiunge il 9,7% a livello nazionale, tale percentuale è assai più alta nel Sud: “nonostante una consistente riduzione avvenuta nell’ultimo anno in particolare in Puglia, con un -4,3%, e in Calabria con -3,8%, nelle regioni meridionali permangono percentuali di ‘dispersi’ alla fine del percorso di istruzione più elevate rispetto alla media nazionale, con una punta del 19,8% in Campania. Se guardiamo poi alle competenze nelle singole materie, in Campania, Calabria e Sicilia più del 60% degli studenti non raggiungono il livello base delle competenze in Italiano, mentre quelle in Matematica sono disattese dal 70% degli studenti in Campania, Calabria, Sicilia e Sardegna”.

Anche la dispersione esplicita nella maggior parte delle regioni del Sud va oltre la media nazionale, raggiugendo il 12,7%, con picchi in Sicilia (21,1%), Puglia (17,6%), Campania (16,4%) e Calabria, (14%). 

Quanto alla percentuale dei NEET (15-29enni), che a livello nazionale è del 23,1%, nelle quattro Regioni indicate essa sale di molto, tanto da superare quella dei giovani occupati: 3 giovani NEET ogni 2 giovani occupati.

Il rapporto analizza inoltre alcuni indicatori “strutturali” (presenza di mensa scolastica e tempo pieno, palestra e certificato di agibilità), che mostrano la correlazione positiva tra la qualità dell’offerta di strutture e servizi e il livello di apprendimento conseguito da studentesse e studenti. 

Mettendo a confronto le 10 province italiane con l’indice di dispersione implicita più bassa e più alta, si rileva come nelle province dove l’indice di dispersione implicita è più basso, le scuole primarie hanno assicurato ai bambini:

  • maggior offerta di tempo pieno, frequentato dal 31,5% degli studenti contro il 24,9% nelle province ad alta dispersione,
  • maggior numero di mense, il 25,9% delle scuole contro il 18,8%,
  • di palestre, 42,4% contro 29%,
  • sono dotate di certificato di agibilità, 47,9% contro 25,3%”.

A conclusione della sua analisi Save the Children chiede un aumento significativo delle risorse per l’istruzione “portandole al pari della media europea, ovvero il 5% del PIL”.

Sarebbe una premessa importante, sintomo di una molto più forte considerazione della centralità strategica dell’educazione come volano dello sviluppo di un Paese. Al contempo va sottolineato che il solo aumento della spesa per l’istruzione, anche se concentrato nel riequilibrio dei citati indicatori strutturali, non risolverebbe di per sé il problema, come ha mostrato l’esperienza dei fondi europei spesi in passato in larga misura proprio nelle quattro Regioni indicate senza alcun visibile vantaggio competitivo rispetto alle altre Regioni. Il problema, come si usa dire, è più complesso e multidimensionale: culturale prima ancora che economico.

Per approfondimenti:

Coazione a ripetere. Il progettificio Scuola. Quei fondi a pioggia che non torneranno più

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Orazio Niceforo L’edizione 2022 di Education at a Glance, il rapporto annuale dell’OCSE che raccoglie e mette a confronto le statistiche nazionali sui sistemi educativi dei 38 Paesi… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo All’estero l’academy connota la provenienza dal mondo aziendale, che crea percorsi formativi con particolari abilità e professioni per qualificare i propri fornitori, partner e clienti finali,… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Il merito al centro del sistema scolastico. È quanto ha proposto Fratelli d’Italia in campagna elettorale, un obiettivo che la coalizione ha integrato, nella prospettiva della… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Come già abbiamo osservato nella presentazione dei diversi programmi, quello del Centrodestra, intitolato “Per l’Italia. Accordo quadro di programma per un governo di centrodestra”, è particolarmente stringato,… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Gli analisti politici si sono impegnati, nel corso della settimana, nella interpretazione del voto del 25 settembre, che ha visto il rilevante successo di Fratelli d’Italia… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Guide e Vademecum 3 Ottobre 2022

Comunicare anche in buona fede alle famiglie che una docente è in gravidanza si commette illecito sanzionabile dal Garante

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 3 Ott 2022 – 06:46 Marco Barone Comunicare anche in buona fede alle famiglie che una docente è in gravidanza si commette illecito sanzionabile dal Garante 3 October 2022 Nel provvedimento in commento del Garante per la Privacy, [doc.

Guide e Vademecum 3 Ottobre 2022

Gli organi della scuola, il funzionamenti, la loro convocazione, le dimissioni e la decadenza dei componenti. Facciamo il punto

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 3 Ott 2022 – 06:41 Antonio Fundarò Gli organi della scuola, il funzionamenti, la loro convocazione, le dimissioni e la decadenza dei componenti.

Diventare docenti 3 Ottobre 2022

Concorso riservato sostegno, docenti possono ottenere incarico in una provincia della regione scelta ma se non accettano possono iscriversi nuovamente

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Concorso riservato sostegno, docenti possono ottenere incarico in una provincia della regione scelta ma se non accettano possono iscriversi nuovamente 3 October 2022 I partecipanti alla procedura riservata di assunzione su posto di sostegno ottengono dapprima una supplenza annuale e poi l’a.

Tutto scuola 3 Ottobre 2022

Genitori, come non perdere i finanziamenti delle scuola

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Genitori, come non perdere i finanziamenti delle scuola 3 October 2022 Sono due le cose che garantiscono l’immediata attenzione delle famiglie: ciò che mette a rischio il benessere dei loro figli e ciò che può incidere sulla precarietà del bilancio familiare.

torna all'inizio del contenuto