NOTIZIE

7 Settembre 2022

Prove Invalsi, male in italiano e matematica per gli studenti delle seconde superiori. E c’è chi chiede l’abolizione dei test: “Basta sperperare soldi”

Prove Invalsi, male in italiano e matematica per gli studenti delle seconde superiori. E c’è chi chiede l’abolizione dei test: “Basta sperperare soldi”

7 September 2022

Dopo due anni, causa pandemia, gli studenti del grado 10, delle seconde superiori, si sono cimentati nelle prove Invalsi. I risultati non sono però confortanti: come riferisce lo stesso Istituto in un approfondimento, dai dati emerge un arresto del trend positivo registrato nel 2018 e 2019 sia in italiano sia in matematica. Una “situazione molto preoccupante” per l’Invalsi. E per questo “bisogna unire le forze e lavorare sinergicamente per trovare il modo di riportare questo grado scolastico quanto meno ai livelli pre pandemici”.

I dati

In italiano è stato registrato un calo di 4 punti rispetto al 2019, ultimo anno in cui gli studenti hanno potuto partecipare alle prove.

Tra il 2019 e il 2022 è emerso un calo generalizzato in tutto il Paese: rappresentano un’eccezione il Sud e le isole con un trend in positivo che passa dal 56% al 57%.

Prove Invalsi, male in italiano e matematica per gli studenti delle seconde superiori. E c’è chi chiede l’abolizione dei test: “Basta sperperare soldi”

7 September 2022

E se va male in italiano, in matematica i dati sono ancora peggio. La differenza è di 8 punti rispetto alle prove svolte nel 2018 e 2019, ed è al Sud e nelle Isole che si registrano i dati peggiori: 6 studenti su 10 non riescono a raggiungere i livelli richiesti al termine della seconda superiore.

I dati a livello nazionale

Prove Invalsi, male in italiano e matematica per gli studenti delle seconde superiori. E c’è chi chiede l’abolizione dei test: “Basta sperperare soldi”

7 September 2022

“Invalsi da abolire”

E c’è chi sostiene che le prove vadano abolite perché inutili e motivo di spesa importante.

Continuo a sostenere che l’Invalsi vada abolito – afferma Carmela Bucalo, Fratelli d’Italia, durante il dibattito organizzato da Anief sul Manifesto sulla scuola prodotto dallo stesso sindacato -. Queste prove ci costano 7 milioni l’anno, per poi sentirci dire che la scuola non va bene, che i nostri ragazzi non apprendono, che hanno una carenza in matematica, in italiano. E’ da anni che sentiamo questo. Adesso non ci possiamo permettere di sperperare soldi“.

In partenza è stata una buona storia – sostiene Massimo Arcangeli, docente di linguistica italiana all’Università di Cagliari, candidato alle prossime elezioni con Unione popolare con de Magistris -, ma vedo quello che è diventato negli ultimi anni. E’ uno strumento che può essere prezioso se deve commisurare le esigenze del cambiamento sociale con le esigenze di crescita. Questo Invalsi però non va bene. Se non è da abolire, è sicuramente da rivedere nel profondo“.

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Giorgia Meloni vince le elezioni 2022, ma quali sono le proposte per la scuola di FdI? In queste settimane abbiamo sentito più volte quali sono le proposte… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Il Ministero dell’Istruzione ha illustrato alle organizzazioni sindacali, convocate per l’informativa, le caratteristiche della nuova procedura di reclutamento per i posti di sostegno. A darne notizia… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Alunni stranieri: i dati riportati nel Focus “Principali dati della scuola – Avvio anno scolastico 2022-2023”, elaborati dall’Ufficio statistica del Ministero dell’Istruzione, consentono molte valutazioni sull’andamento… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola La scuola è sempre più digitale e il PNRR sarà un’opportunità unica per colmare il gap tecnologico con le scuole dei paesi più avanzati.I dispositivi moderni aiutano studenti… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola   Il prossimo 29 settembre Tuttoscuola incontrerà le scuole dell’Abruzzo in un evento in presenza dedicato a “La scuola che sogniamo“. Non lo nascondiamo: siamo molto emozionati all’idea di… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Guide e Vademecum 28 Settembre 2022

Abuso dei permessi sindacali? Legittimo sanzionare il dipendente

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 28 Set 2022 – 05:57 Marco Barone Abuso dei permessi sindacali? Legittimo sanzionare il dipendente 28 September 2022 Se è vero che il datore di lavoro non può esercitare alcun potere autorizzatorio e discrezionale nella concessione dei permessi sindacali, è altrettanto vero che la giurisprudenza non vieta che il datore possa verificare la correttezza dell’utilizzo degli stessi, sono plurime le sentenze che si stanno affermando in materia  e che vedono diversi casi di […] Per visualizzare questo contenuto devi essere abbonato a La dirigenza scolastica: rivista operativa per Dirigenti Scolastici, vicepresidi, collaboratori del DS e figure di staff or Abbonamento due riviste: Gestire il personale scolastico + La dirigenza scolastica, rivista operativa.

Guide e Vademecum 28 Settembre 2022

Le “gravi patologie” cosa diversa dell’assenza per malattia legata “all’invalidità” che comporta solo l’esonero dalle visite di controllo domiciliare

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Le “gravi patologie” cosa diversa dell’assenza per malattia legata “all’invalidità” che comporta solo l’esonero dalle visite di controllo domiciliare 28 September 2022 A chi spetta la valutazione della gravità delle patologie del personale della scuola? In caso di assenze, i dipendenti sono esclusi dall’obbligo del rispetto delle c.

Guide e Vademecum 28 Settembre 2022

Elezioni per il rinnovo dei rappresentanti nei consigli di classe e di sezione: un esempio di circolare per il Ciclo di base

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 28 Set 2022 – 05:41 Antonio Fundarò Elezioni per il rinnovo dei rappresentanti nei consigli di classe e di sezione: un esempio di circolare per il Ciclo di base 28 September 2022 Ad ordinanza ministeriale ancora non pubblicata, per questo anno scolastico, e sulla scorta della vigente normativa dall’ordinanza ministeriale n.

Tutto scuola 28 Settembre 2022

Reclutamento per i posti di sostegno: la nuova procedura

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Reclutamento per i posti di sostegno: la nuova procedura 28 September 2022 Il Ministero dell’Istruzione ha illustrato alle organizzazioni sindacali, convocate per l’informativa, le caratteristiche della nuova procedura di reclutamento per i posti di sostegno.

torna all'inizio del contenuto