Tutto scuola

11 Luglio 2022

Risultati Invalsi 2022/1. La cavalcata dei numeri

Risultati Invalsi 2022/1. La cavalcata dei numeri

11 July 2022

I ricercatori dell’Invalsi, come sempre, si sono dedicati alla raccolta dei dati con certosina dedizione, e anche l’edizione 2022 del Rapporto, presentata il 6 luglio nella prestigiosa aula magna del Rettorato della Sapienza (quasi a evidenziare la compiuta istituzionalizzazione dell’Istituto) è stata caratterizzata da una torrenziale pioggia di numeri.

In questo modo la valutazione di sistema, che era stata concepita e promossa dal Cede di Aldo Visalberghi come supporto alle decisioni politiche, è diventata col tempo un gigantesco esercizio statistico che non prelude a decisioni politiche ma sembra essere posto sullo stesso terreno della decisione politica, condizionando le scelte del governo. Lo dimostra il clamore mediatico provocato dalla notizia che solo poco più della metà degli studenti di terza media e dell’ultimo anno di scuola secondaria superiore raggiunge risultati considerati “adeguati” mentre gli altri, pur conseguendo il titolo (licenza o diploma), restano al di sotto di questa soglia.

Questo significa che accanto alla dispersione esplicita (mancato conseguimento del diploma), che pure resta alta (13,5%), c’è una forte “dispersione implicita”, come la definisce l’Invalsi, che riguarda gli studenti che pur ottenendo il diploma non possiedono nelle tre aree indagate (italiano, matematica, inglese) competenze di livello accettabile, cioè il livello 3 su una scala di 5. Secondo l’Invalsi questi dispersi “impliciti”, che erano il 7,5% nel 2019, sono saliti al 9,8% nel 2021 anche a causa delle difficoltà provocate dalla didattica a distanza, per attestarsi al 9,7% nel 2022, con una leggera ripresa dopo la fase più grave della pandemia.

Quindi, sommando i dati, avremmo il 23,2% (13,5+9,7) di diciannovenni dispersi tra espliciti e impliciti, e inoltre – tra i maturati non considerati dispersi impliciti ­– un’altra percentuale di diplomati che comunque non raggiunge risultati “adeguati”, valutabile attorno al 30% abbondante. E infatti i giornali sintetizzano il tutto con titoli perentori: “Uno studente su due impreparato” (Corriere della Sera), “Impreparato uno studente su due” (Il Sole-24Ore), “E’ impreparato uno studente su due” (Il Giornale).

Seguono tabelle e numeri che mostrano, oltre alla scadente qualità dei risultati medi, la profondità dei divari territoriali e tra scuole, aggravati dalla pandemia. Il tutto, naturalmente, è fondato sull’esito e sulla interpretazione dei risultati delle prove Invalsi in Italiano, Matematica e Inglese.

Questa valanga di numeri dimostra ciò che era già chiaro (o almeno era ben chiaro a esperti come Visalberghi, Laeng, Gozzer) agli inizi degli anni Settanta dello scorso secolo. Ciò che è mancata, in tutti questi anni, non è stata la valutazione dei ritardi e degli squilibri della scuola italiana, che si è andata certamente affinando, ma la politica scolastica. Dove ha fallito il decisore politico? Proviamo a riflettere nella notizia successiva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Visitare monumenti, con bambini al seguito, in questa estate caldissima? Per aiutare le famiglie è stato inaugurato il 27 luglio, nel  Parco archeologico del Colosseo, un Baby… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Concorso DS: aperte le funzioni POLIS per la scelta della regione di assunzione da parte dei candidati utilmente collocati nella graduatoria di merito del concorso nazionale… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo L’ANCODIS (Associazione Nazionale Collaboratori Dirigenti Scolastici) in una nota dichiara che “pur condividendo le criticità relative alle modalità di individuazione del cosiddetto docente esperto (termine che… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Come è noto il termine bullismo deriva dall’inglese “bullying” e viene usato nella letteratura internazionale per connotare il fenomeno delle prepotenze tra pari in un contesto… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola #IOnonESISTO è un progetto di fotografia, esperienza sanitaria, clinica, racconti di vite e di persone che ha ha lo scopo di far conoscere i Disturbi Alimentari, che interessano… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 11 Agosto 2022

Supplenze da GaE e GPS docenti 2022: come funziona l’algoritmo. Da quale classe di concorso si parte? prima il sostegno? [VIDEO]

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email L’algoritmo che gestisce le domande di supplenze per i docenti per l’anno scolastico 2022/23 come funziona in merito all’assegnazione della sede? inizia dal candidato che ha il punteggio più alto oppure da una classe di concorso specifica? E il sostegno quando viene trattato? L’articolo Supplenze da GaE e GPS docenti 2022: come funziona l’algoritmo.

Dirigenti scolastici 11 Agosto 2022

Immissioni in ruolo dirigenti scolastici, istanze dal 9 al 12 agosto: 317 posti disponibili. AVVISO

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Dal 9 al 12 agosto i dirigenti scolastici potranno presentare l’istanza per l’immissione in ruolo: in palio ci sono 317 posti vacanti e disponibili.

Guide e Vademecum 11 Agosto 2022

Sicurezza, i ruoli previsti dalla normativa, con modello di nomina a preposto da scaricare

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 11 Ago 2022 – 06:18 Luciano Grasso Sicurezza, i ruoli previsti dalla normativa, con modello di nomina a preposto da scaricare 11 August 2022 Forniamo una guida chiara e schematica sui ruoli riconosciuti e disciplinati dalla normativa sulla sicurezza contenuta nel DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n.

Guide e Vademecum 11 Agosto 2022

Un esempio di contratto integrativo i istituto. Modello da scaricare

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 11 Ago 2022 – 06:06 Antonio Fundarò Un esempio di contratto integrativo i istituto.

torna all'inizio del contenuto