Tutto scuola

23 Agosto 2022

Ritorno a scuola tra cattedre vuote e ambienti digitali, Bianchi: ‘Stiamo lavorando affinché tutti i prof siano al loro posto’

Ritorno a scuola tra cattedre vuote e ambienti digitali, Bianchi: ‘Stiamo lavorando affinché tutti i prof siano al loro posto’

23 August 2022

Ritorno a scuola in vista. Settembre è alle porte e con lui torna l’annuale problema delle cattedre vuote: quest’anno si stima che mancherà il circa il 40% dei prof (su 94mila cattedre autorizzate si stima che se ne riempiranno anche stavolta il 50/60%) e che l’anno scolastico ricomincerà con circa 150mila supplenti. Ma anche con tante novità: alla primaria arriveranno i docenti di educazione motoria, la metodologia Clil sbarcherà anche al primo ciclo e prenderanno il via i nuovi Its Academy. Inoltre nelle scuole si inizieranno a breve a vedere primi nuovi investimenti in infrastrutture e digitale grazie al PNRR. E, per quanto riguarda il problema delle cattedre vacanti, il ministro Bianchi comunque promette: “Quest’anno avremmo tutti i docenti al loro posto all’avvio delle lezioni”.

“Stiamo lavorando perché anche quest’anno, come l’anno scorso, ma mai in passato, all’inizio delle scuole tutti i docenti siano al loro posto. Per quanto riguarda le capacità assunzionali, ricordo che il governo ha garantito, fino al 2025, lo stesso numero di insegnanti nonostante la drammatica caduta demografica“, ha infatti dichiarato il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, in un’intervista al Sole24Ore. “Inoltre, dopo anni di concorsi a singhiozzo, la riforma del reclutamento, approvata dal Parlamento, ha finalmente indicato un percorso chiaro per chi voglia fare il docente. Dopo i 60mila dello scorso anno, stiamo assumendo i nuovi docenti previsti per quest’anno (a oggi si è superata quota 30mila e si proseguirà nelle prossime settimane, ndr) e stiamo completando le procedure concorsuali in corso. Con le nuove procedure approvate dal Parlamento, il Pnrr ci chiede di assumere ulteriori 70mila docenti entro il 2024“.

E per quanto riguarda il numero di supplenti aggiunge: “Il loro numero va commisurato all’intero organico docente, che si attesta a 800mila insegnanti, fra posti comuni e di sostegno, e comprende anche una quota fisiologica dovuta ad assenze, distacchi e comandi presso altre amministrazioni. Poi entro il 2024 assumeremo ulteriori 70mila professori“.

Bianchi si dice comunque fiero del lavoro fatto fino ad oggi e che dovrebbe vedersi anche con il ritorno a scuola ormai prossimo: “Pnrr, scadenze e obiettivi sono tutti raggiunti.. Famiglie e ragazzi cominceranno a vedere nuovi acquisti per arredi e laboratori, classi digitali, interventi di manutenzione. Ci sarà più formazione per i docenti, a beneficio della didattica. Completeremo il rilancio della filiera tecnico-professionale, dopo gli Its cambieremo istituti tecnici e professionali”.

La scuola sembra dunque prepararsi alla ripartenza con una veste decisamente più digitale grazie ai 2,1 miliardi del Pnrr per aule e laboratori 4.0 che sono stati assegnati ai presidi ai primi di agosto e che portano a 4,9 miliardi la dote per l’innovazione degli istituti scolastici arrivata dal Piano nazionale di ripresa e resilienza. Tanti gli interventi previsti anche in vista del ritorno a scuola: si va dagli 800 milioni per la formazione dei docenti alla didattica digitale integrata ai 445 per il potenziamento delle reti locali, cablate e wireless delle scuole; dai 455 per gli schermi interattivi nelle aule ai 99 per la creazione di ambienti Stem; dai 600 milioni per il piano Banda larga ai 60 del piano PagoPa-Spid-Cie; dai 155 milioni per la migrazione cloud e i siti internet degli istituti scolastici ai 250 per gli ambienti innovativi nell’infanzia.

A questi vanno poi aggiunti i 2,1 miliardi del piano Scuola 4.0,  cuore dell’intero programma. Scopo del piano è quello di trasformare, già per il ritorno a scuola, almeno 100mila aule tradizionali in ambienti innovativi di apprendimento e creare laboratori per le professioni digitali del futuro negli istituti scolastici del secondo ciclo. Per quanto riguarda le “Next generation classrooms”, in ciascuna scuola potranno essere “riprogettate” almeno la metà delle classi attuali, trasformando arredi e attrezzature. Con i “Next generation labs” invece, gli studenti degli istituti superiori potranno sviluppare competenze digitali specifiche nei diversi ambiti tecnologici avanzati (come robotica, intelligenza artificiale, cybersicurezza, comunicazione digitale), anche attraverso attività autentiche e di effettiva simulazione dei luoghi, degli strumenti e dei processi legati alle nuove professioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Orazio Niceforo L’edizione 2022 di Education at a Glance, il rapporto annuale dell’OCSE che raccoglie e mette a confronto le statistiche nazionali sui sistemi educativi dei 38 Paesi… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo All’estero l’academy connota la provenienza dal mondo aziendale, che crea percorsi formativi con particolari abilità e professioni per qualificare i propri fornitori, partner e clienti finali,… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Il merito al centro del sistema scolastico. È quanto ha proposto Fratelli d’Italia in campagna elettorale, un obiettivo che la coalizione ha integrato, nella prospettiva della… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Come già abbiamo osservato nella presentazione dei diversi programmi, quello del Centrodestra, intitolato “Per l’Italia. Accordo quadro di programma per un governo di centrodestra”, è particolarmente stringato,… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Gli analisti politici si sono impegnati, nel corso della settimana, nella interpretazione del voto del 25 settembre, che ha visto il rilevante successo di Fratelli d’Italia… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Guide e Vademecum 3 Ottobre 2022

Comunicare anche in buona fede alle famiglie che una docente è in gravidanza si commette illecito sanzionabile dal Garante

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 3 Ott 2022 – 06:46 Marco Barone Comunicare anche in buona fede alle famiglie che una docente è in gravidanza si commette illecito sanzionabile dal Garante 3 October 2022 Nel provvedimento in commento del Garante per la Privacy, [doc.

Guide e Vademecum 3 Ottobre 2022

Gli organi della scuola, il funzionamenti, la loro convocazione, le dimissioni e la decadenza dei componenti. Facciamo il punto

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 3 Ott 2022 – 06:41 Antonio Fundarò Gli organi della scuola, il funzionamenti, la loro convocazione, le dimissioni e la decadenza dei componenti.

Diventare docenti 3 Ottobre 2022

Concorso riservato sostegno, docenti possono ottenere incarico in una provincia della regione scelta ma se non accettano possono iscriversi nuovamente

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Concorso riservato sostegno, docenti possono ottenere incarico in una provincia della regione scelta ma se non accettano possono iscriversi nuovamente 3 October 2022 I partecipanti alla procedura riservata di assunzione su posto di sostegno ottengono dapprima una supplenza annuale e poi l’a.

Tutto scuola 3 Ottobre 2022

Genitori, come non perdere i finanziamenti delle scuola

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Genitori, come non perdere i finanziamenti delle scuola 3 October 2022 Sono due le cose che garantiscono l’immediata attenzione delle famiglie: ciò che mette a rischio il benessere dei loro figli e ciò che può incidere sulla precarietà del bilancio familiare.

torna all'inizio del contenuto