NOTIZIE

8 Gennaio 2023

Ritorno in classe, scuola attua regolamento contro il caro-energia: “Vestitevi a cipolla, spegnete le luci”

Ritorno in classe, scuola attua regolamento contro il caro-energia: “Vestitevi a cipolla, spegnete le luci”

8 January 2023

Giungono al termine le vacanze di fine anno. Domani, lunedì 9 gennaio, tutti in classe per la ripresa delle lezioni. Anno nuovo, problemi vecchi, in realtà. Le scuole devono ancora fare i conti con il caro-energia. Dunque non mancano le indicazioni dei singoli istituti al personale scolastico e agli studenti per evitare l’arrivo di bollette esose.

Presso gli istituti scolastici di Desio, comune in provincia di Monza e Brianza, è stato distribuito un vademecum per promuovere la cultura del risparmio energetico. Una serie di buone pratiche e consigli utili rivolti al contenimento dei consumi energetici e al contrasto degli sprechi.

Il documento, così come segnala Il Giorno, si sviluppa in una premessa e quattro sezioni sviluppate in punti, concentrando l’attenzione su tre aree: climatizzazione, attrezzature e illuminazione.

Tra le altre indicazioni, “vestitevi a cipolla per potervi adattare meglio alla temperatura interna”; “chiudete le porte per evitare dispersioni termiche”; “non coprire i termosifoni con oggetti”; ma anche “per gli spostamenti casa-scuola scegliete i mezzi pubblici, la bici o andate a piedi”.

Leggi anche

Caro bollette a scuola, “studenti a gennaio in maniche corte”. “Presidi e Ata hanno le stufette accese vicino le gambe”. I lettori si dividono

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Tuttoscuola, come altre testate, ha riportato una lettera di un vincitore dell’ultimo concorso a dirigente scolastico in cui evidenziava l’illogicità e l’ingiustizia di due emendamenti… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Non è un fenomeno solo italiano. Negli USA, che pure hanno un sistema scolastico molto più decentrato e flessibile del nostro, prosegue la fuga degli… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Un primo dilemma riguarda il criterio in base al quale gli stipendi dovrebbero essere differenziati: il merito (la qualità del lavoro svolto dal singolo docente,… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Tra poche settimane le scuole saranno chiamate a presentare i progetti del piano Scuola 4.0 per investire i cospicui investimenti messi a disposizione dal PNRR.… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Ultime ore per le iscrizioni del 2023-24 che per la scuola primaria confermeranno con ogni probabilità anche l’anomalia, prevalentemente territoriale, degli anticipi che hanno registrato… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 31 Gennaio 2023

Quale parità di genere nella scuola? Lettera

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Inviato da Mario Bocola – Gli alunni nella scuola italiana e soprattutto nel primo ciclo d’istruzione si identificano nella figura della maestra e della professoressa e la riconoscono una “figura materna” dolce, sensibile, amorevole.

NOTIZIE 31 Gennaio 2023

Doppio lavoro senza autorizzazione: docente di ruolo licenziata

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Doppio lavoro senza autorizzazione: docente di ruolo licenziata 31 January 2023 Doppio lavoro senza autorizzazione: così è stata licenziata una docente dopo aver superato il concorso e ottenuto il ruolo nel 2018.

NOTIZIE 30 Gennaio 2023

Iscrizioni, dal 31 gennaio gestione domande sul SIDI. Tutti gli adempimenti delle scuole. NOTA

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Skip to content Iscrizioni, dal 31 gennaio gestione domande sul SIDI.

NOTIZIE 30 Gennaio 2023

Dalla richiesta della carta d’identità all’Isee fino alle visure catastali. Nasce Polis, lo sportello digitale per la Pa di Poste Italiane

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Dalla richiesta della carta d’identità all’Isee fino alle visure catastali.

torna all'inizio del contenuto