Tutto scuola

22 Luglio 2022

Sciolte le Camere, verso la fine del ministero Bianchi: si potrà occupare solo degli ‘affari correnti’

Sciolte le Camere, verso la fine del ministero Bianchi: si potrà occupare solo degli ‘affari correnti’

22 July 2022

E’ stata una scelta “inevitabile”, ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, commentando lo scioglimento delle Camere. Il voto del Senato e, soprattutto, le modalità di quel voto hanno reso chiaro che non c’era spazio per altre maggioranze. Mattarella accompagna – visibilmente contrariato – Mario Draghi nel processo di dimissioni e scioglie dunque le Camere sancendo la fine anticipata della legislatura. Si voterà domenica 25 settembre. Di conseguenza, si va verso la fine del mandato del ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, che negli ultimi tre mesi del suo ministero potrà occuparsi solamente degli affari correnti. Ma cosa si intende per “affari correnti”?

“Ho firmato il decreto di scioglimento delle Camere – ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella – affinché vengano indette nuove elezioni entro il termine di settanta giorni indicato dalla Costituzione. Lo scioglimento anticipato del Parlamento è sempre l’ultima scelta da compiere, particolarmente se come in questo periodo, vi sono molti adempimenti da portare a compimento per il bene del nostro Paese. La situazione politica che si è determinata ha portato a questa decisione. La discussione con cui al Senato questo voto è stato espresso ha reso evidente il venir meno del sostegno parlamentare e l’assenza di prospettive per dar vita a una nuova maggioranza. Questa condizione ha reso inevitabile lo scioglimento anticipato delle Camere. Il governo ha presentato le dimissioni. Ho ringraziato il presidente Draghi e i ministri per l’impegno in questi 18 mesi. Il governo incontra limitazioni nella sua attività. Il nuovo governo sarà determinato dal voto degli elettori. Il periodo che attraversiamo non consente pause per affrontare la crisi che stiamo subendo. L’inflazione crea difficoltà economiche alle imprese a alle famiglie. Importanza decisiva attuazione nei tempi concordati del PNRR cui sono condizionati i fondi europei di sostegno. La pandemia si presenta tuttora diffusa. Mi auguro che vi sia da parte di tutti un contributo costruttivo nell’interesse superiore dell’Italia”.

Gli ultimi tre mesi di Bianchi: alle prese con gli “affari correnti”

Il ministro Bianchi nei prossimi tre mesi si occuperà dunque solo degli “affari correnti” che, presumibilmente, includono le immissioni in ruolo, ma anche tutte le questioni legate al PNRR. Solitamente, sarebbe prassi che il presidente del Consiglio faccia un provvedimento in cui comunica ai suoi ministri di cosa potranno occuparsi. 

Intanto ricordiamo che la legge 79 che ha convertito il DL 36 in attuazione del PNRR prevede per la scuola almeno 15 decreti di attuazione, di cui alcuni in scadenza a fine mese e uno, il 170 per la prevenzione e il contrasto alla dispersione, già pubblicato il 24 giugno scorso. Quei decreti di attuazione riguardano anche la formazione iniziale abilitante per i futuri docenti della secondaria, l’istituenda scuola di Alta Formazione del sistema pubblico di istruzione, la formazione incentivata e il reclutamento degli insegnanti.

Tra i decreti vi sono anche alcuni DPCM, il primo dei quali “di concerto con i Ministri dell’istruzione e dell’università e della ricerca, da adottare entro il 31 luglio 2022″, con il quale sono definiti i contenuti e la strutturazione dell’offerta formativa per la formazione iniziale”. Tutto è a rischio?

“Affari correnti”: di cosa si tratta?

Si tratta degli ambiti di intervento sui quali potrà intervenire il governo dimissionaria e che sono giù stati stabiliti con una circolare firmata da Mario Draghi. Nel documento viene sottolineato che l’esecutivo è “impegnato nel disbrigo degli affari correnti, nell’attuazione delle leggi e delle determinazioni già assunte dal Parlamento e nell’adozione degli atti urgenti, ivi compresi gli atti legislativi, regolamentari e amministrativi necessari per fronteggiare le emergenze“. Il Governo potrà dunque “procedere soltanto a nomine, designazioni e proposte strettamente necessarie, perché vincolate nei tempi da leggi o regolamenti, ovvero derivanti da esigenze funzionali, non procrastinabili oltre i termini di soluzione della crisi, per assicurare pienezza e continuità nell’azione amministrativa”.

Cosa dovrà fare Bianchi?

Stando a quanto riportato nel documento, negli ultimi tre mesi del suo ministero, Patrizio Bianchi (ma anche tutti gli altri ministri del Governo Draghi) dovrà:

– partecipare in Assemble e nelle commissioni per l’esame dei disegni di legge di conversione del decreti legge e nelle altre occasioni in cui sarà richiesta dalle Camere. Le posizioni del governo saranno preventivamente concordate con il ministro per i rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà;

– predisporre sollecitamente ogni utile elemento e documentazione circa l’organizzazione ed il funzionamento del Ministero, nonché sullo stato delle attività e delle iniziative in corso;

–  fornire un elenco con tutte le attività amministrative in corso di esecuzione o comunque in scadenza.

Ogni nuova iniziativa in merito dovrà essere preventivamente sottoposta all’assenso del presidente del Consiglio al fine di assicurare uniformità di comportamenti. Il ministro Bianchi, e tutti gli altri ministri, dovranno poi curare che enti, aziende e società dipendenti, vigilati o direttamente controllati, si attengano agli anzidetti criteri, anche per quanto riguarda le procedure

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Sono state pubblicate le graduatorie delle 3.571 scuole dell’infanzia statali beneficiarie dei 267,8 mln di fondi stanziati dall’Avviso pubblico “Ambienti didattici innovativi per la scuola dell’infanzia”.… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola I compiti per le vacanze che tuo figlio deve svolgere lungo tutta la durata del periodo estivo sono tornati. Non senza una certa dose di stress sua… [...]

Pubblicato da Simone Consegnati La scuola dell’infanzia, che molti di noi chiamano ancora ostinatamente “materna” o, peggio, “asilo”, può essere gestita da tre tipi di enti: lo Stato, i comuni,… [...]

Pubblicato da Marco Braghero Viaggio nella scuola finlandese. Ci chiediamo spesso”Cambiare la scuola italiana: è davvero necessario?” La crisi profonda del nostro sistema educativo lo imporrebbe, ma il cambiamento dovrebbe… [...]

Pubblicato da Nicoletta Appignani Quanto è importante oggi nella formazione, nell’apprendimento, in definitiva nel percorso scolastico di uno studente la possibilità di conoscere nuove realtà, di misurarsi con esperienze di… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Scuola dell’infanzia, pubblicate le graduatorie: 267,8 mln per ambienti didattici innovativi

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuola dell’infanzia, pubblicate le graduatorie: 267,8 mln per ambienti didattici innovativi 12 August 2022 Sono state pubblicate le graduatorie delle 3.

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Scuola dell’Infanzia: tutto quello che non sai (e che invece tuo figlio vorrebbe che conoscessi)

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuola dell’Infanzia: tutto quello che non sai (e che invece tuo figlio vorrebbe che conoscessi) 12 August 2022 La scuola dell’infanzia, che molti di noi chiamano ancora ostinatamente “materna” o, peggio, “asilo”, può essere gestita da tre tipi di enti: lo Stato, i comuni, e i privati, che spesso sono congregazione religiose.

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Scuola, cosa imparare dal modello finlandese: non copiare, ma innovare

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuola, cosa imparare dal modello finlandese: non copiare, ma innovare 12 August 2022 Viaggio nella scuola finlandese.

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Come scegliere e organizzare una gita scolastica

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Come scegliere e organizzare una gita scolastica 12 August 2022 Quanto è importante oggi nella formazione, nell’apprendimento, in definitiva nel percorso scolastico di uno studente la possibilità di conoscere nuove realtà, di misurarsi con esperienze di vita differenti, di visitare musei, città lontane, addirittura paesi stranieri? Le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi che fanno le persone, scriveva Steinbeck.

torna all'inizio del contenuto