Tutto scuola

12 Agosto 2022

Scuola, cosa imparare dal modello finlandese: non copiare, ma innovare

Scuola, cosa imparare dal modello finlandese: non copiare, ma innovare

12 August 2022

Viaggio nella scuola finlandese. Ci chiediamo spesso”Cambiare la scuola italiana: è davvero necessario?” La crisi profonda del nostro sistema educativo lo imporrebbe, ma il cambiamento dovrebbe assumere la qualità della consapevolezza paziente, del rispetto, della rivalutazione di tutto quanto di buono e di bello è già presente nel nostro sistema educativo. Insomma, cambiare sì, ma innovare serbando. Ecco come.

Guarda il video e scopri i punti di forza di uno dei sistemi scolastici migliori del mondo

A normativa vigente, l’insegnamento più im­por­tan­te che la Fin­lan­dia può dare al­l’I­ta­lia è sul mo­do di con­ce­pi­re un si­ste­ma sco­la­sti­co, di pen­sa­re a co­sa è im­por­tan­te, di razionalizzare gli investimenti. Il mo­del­lo fin­lan­de­se di­mo­stra che ci so­no mo­di di­ver­si di portare avan­ti un si­ste­ma sco­la­sti­co. Di­ver­si dal­la con­ce­zio­ne di scuo­la in­gle­se, fran­ce­se, ame­ri­ca­na o te­de­sca, cen­tra­li­ste e gui­da­te dal­l’al­to.

Dimostra che si possono fare riforme, con pazienza e fiducia, a geografia e geometria variabile con un processo di condivisione e partecipazione che parte dalle comunità territoriali, va al Governo e torna alle comunità territoriali per la pratica. Ogni municipalità contribuisce con il pensiero dei propri dirigenti, docenti, studenti, famiglie e amministratori realizzando il percorso di riforma nei tempi, modi e spazi che le sono più congeniali. Questo aspetto trova molta assonanza con la realtà italiana fortemente radicata nelle municipalità e nelle diversità territoriale, realtà che trova riscontro in molta normativa vigente. Infatti è possibile interpretare in questo senso, solo per fare alcuni esempi: i previsti “Ambiti Territoriali”, la Legge sull’esercizio associato delle funzioni comunali, D.L. n. 78/2010, i piani di zona, i patti territoriali, gli accordi di programma e persino la logica dei distretti industriali.

Proprio con la modalità “local to local” la Finlandia ha realizzato le sue riforme dal 1972 al 1985. Tredici anni per portare a regime il cambiamento. I 360 comuni, tutti di dimensioni medio-grandi per la Finlandia (minimo circa 30.000 ab.), hanno partecipato, cooperato, rivisto, integrato e condiviso più volte il processo delle riforme negli ultimi anni con costi molto contenuti.

Ec­co, un al­tro in­se­gna­men­to della Fin­lan­dia: gli in­se­gnan­ti e la lo­ro for­ma­zio­ne. In mol­ti Pae­si si pen­sa an­co­ra che chi ha a che fa­re con bam­bi­ni mol­to pic­co­li non ab­bia bi­so­gno di un’e­du­ca­zio­ne uni­ver­si­ta­ria e che per in­se­gna­re lo­ro qual­co­sa ba­sti es­se­re un adul­to e aver fre­quen­ta­to la scuo­la del­l’ob­bli­go. In Finlandia si fa il ragionamento op­po­sto: gli in­se­gnan­ti dell’infanzia e del­le pri­me clas­si del­la scuo­la ele­men­ta­re so­no quel­li più for­ma­ti. Mi­glio­re è la loro l’e­du­ca­zio­ne, mi­glio­re sa­rà l’ap­pren­di­men­to di que­sti bam­bi­ni e la lo­ro for­ma­zio­ne fu­tu­ra.

Que­ste so­no le co­se che han­no re­so la Fin­lan­dia un mo­del­lo ne­gli ul­ti­mi die­ci an­ni. Por­si co­me obiet­ti­vo l’u­gua­glian­za nel­l’in­se­gna­men­to si­gni­fi­ca ad esem­pio va­lo­riz­za­re il sostegno. La Finlandia ha scelto di met­te­re al cen­tro l’in­di­vi­duo e la comunità di riferimento, e quin­di di fon­da­re l’in­se­gna­men­to sul­le cu­rio­si­tà e sui bi­so­gni di ogni sin­go­lo stu­den­te in quella particolare comunità aperta al mondo.  Qui le scuo­le con mag­gio­ri dif­fi­col­tà, ad esem­pio quel­le con un’al­ta per­cen­tua­le di im­mi­gra­ti o con bam­bi­ni i cui ge­ni­to­ri pro­ven­go­no da­gli stra­ti so­cia­li più po­ve­ri ri­ce­vo­no più fi­nan­zia­men­ti. So­no que­ste le ra­gio­ni al­l’o­ri­gi­ne dei ri­sul­ta­ti mi­glio­ri del­la scuo­la fin­lan­de­se. L’u­gua­glian­za a scuo­la in Finlandia vie­ne pre­sa mol­to sul se­rio.

Cosa fare in Italia? Aprirci a nuove-vecchie pratiche rifondando la scuola sui valori, ricostruendo la fiducia, esplicitando la visione della nostra scuola per questo inizio secolo. Con­ti­nua­re a im­pa­ra­re gli uni da­gli al­tri. L’Italia ha mol­to da im­pa­ra­re dal­la Fin­lan­dia, e questa ha imparato molto da noi in termini pedagogici: le teo­rie di Ma­ria Mon­tes­so­ri e il sistema preventivo di Don Bosco, l’integrazione degli studenti con disabilità, sono solo un esempio.

In Fin­lan­dia fin dal­le pri­me clas­si l’in­ten­to è quel­lo di ri­sve­glia­re e man­te­ne­re vi­vo l’in­te­res­se per la ri­cer­ca, l’ap­pren­di­men­to e la crea­ti­vi­tà. In par­ti­co­la­re, i pri­mi sei an­ni del­la scuo­la del­l’ob­bli­go si con­cen­tra­no non tan­to sul­le ma­te­rie, ma sul­le do­man­de dei bam­bi­ni e del­le bam­bi­ne.

Quali strategie adottare per cambiare, quindi? Quali passi intraprendere? È davvero possibile cambiare? L’evidenza ci dice che sì, si può cambiare. Anzi si deve farlo. Non è in discussione il quando, il tempo era ieri, bensì il come.

Scegliere la strategia di cambiamento è il primo problema che si pone chi vuole-deve affrontare una riforma scolastica. Per riuscire nell’impresa è necessario tenere presente la dimensione politica, la dimensione scolastica e la dimensione economica. Riuscire a vedere e anticipare i possibili ostacoli, evitare che una buona riforma fallisca prima ancora di vedere la luce.

Leggi il nostro reportage sulla scuola finlandese

Finlandia, viaggio nella scuola della fiducia

Il sistema finlandese: tutto quello che dovremmo imparare

Dalla Finlandia all’Italia: cosa possiamo fare a normativa vigente

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Giorgia Meloni vince le elezioni 2022, ma quali sono le proposte per la scuola di FdI? In queste settimane abbiamo sentito più volte quali sono le proposte… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Il Ministero dell’Istruzione ha illustrato alle organizzazioni sindacali, convocate per l’informativa, le caratteristiche della nuova procedura di reclutamento per i posti di sostegno. A darne notizia… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo Alunni stranieri: i dati riportati nel Focus “Principali dati della scuola – Avvio anno scolastico 2022-2023”, elaborati dall’Ufficio statistica del Ministero dell’Istruzione, consentono molte valutazioni sull’andamento… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola La scuola è sempre più digitale e il PNRR sarà un’opportunità unica per colmare il gap tecnologico con le scuole dei paesi più avanzati.I dispositivi moderni aiutano studenti… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola   Il prossimo 29 settembre Tuttoscuola incontrerà le scuole dell’Abruzzo in un evento in presenza dedicato a “La scuola che sogniamo“. Non lo nascondiamo: siamo molto emozionati all’idea di… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Guide e Vademecum 28 Settembre 2022

Abuso dei permessi sindacali? Legittimo sanzionare il dipendente

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 28 Set 2022 – 05:57 Marco Barone Abuso dei permessi sindacali? Legittimo sanzionare il dipendente 28 September 2022 Se è vero che il datore di lavoro non può esercitare alcun potere autorizzatorio e discrezionale nella concessione dei permessi sindacali, è altrettanto vero che la giurisprudenza non vieta che il datore possa verificare la correttezza dell’utilizzo degli stessi, sono plurime le sentenze che si stanno affermando in materia  e che vedono diversi casi di […] Per visualizzare questo contenuto devi essere abbonato a La dirigenza scolastica: rivista operativa per Dirigenti Scolastici, vicepresidi, collaboratori del DS e figure di staff or Abbonamento due riviste: Gestire il personale scolastico + La dirigenza scolastica, rivista operativa.

Guide e Vademecum 28 Settembre 2022

Le “gravi patologie” cosa diversa dell’assenza per malattia legata “all’invalidità” che comporta solo l’esonero dalle visite di controllo domiciliare

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Le “gravi patologie” cosa diversa dell’assenza per malattia legata “all’invalidità” che comporta solo l’esonero dalle visite di controllo domiciliare 28 September 2022 A chi spetta la valutazione della gravità delle patologie del personale della scuola? In caso di assenze, i dipendenti sono esclusi dall’obbligo del rispetto delle c.

Guide e Vademecum 28 Settembre 2022

Elezioni per il rinnovo dei rappresentanti nei consigli di classe e di sezione: un esempio di circolare per il Ciclo di base

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 28 Set 2022 – 05:41 Antonio Fundarò Elezioni per il rinnovo dei rappresentanti nei consigli di classe e di sezione: un esempio di circolare per il Ciclo di base 28 September 2022 Ad ordinanza ministeriale ancora non pubblicata, per questo anno scolastico, e sulla scorta della vigente normativa dall’ordinanza ministeriale n.

Tutto scuola 28 Settembre 2022

Reclutamento per i posti di sostegno: la nuova procedura

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Reclutamento per i posti di sostegno: la nuova procedura 28 September 2022 Il Ministero dell’Istruzione ha illustrato alle organizzazioni sindacali, convocate per l’informativa, le caratteristiche della nuova procedura di reclutamento per i posti di sostegno.

torna all'inizio del contenuto