Tutto scuola

19 Settembre 2022

Scuola e politica/1. La banalità del dibattito

Scuola e politica/1. La banalità del dibattito

19 September 2022

La newsletter di Tuttoscuola ha spesso intitolato “Scuola e politica” le notizie volte a spiegare le ragioni delle scelte (o non scelte) di politica scolastica effettuate nel tempo dai partiti e dai governi: l’obiettivo è sempre stato quello di fornire ai lettori chiavi di lettura delle decisioni (o non decisioni) prese in materia educativa dai diversi soggetti politici e istituzionali chiamati a occuparsene, soprattutto in occasione della formazione dei governi e delle campagne elettorali. Bene, questa volta, a distanza di una settimana dalla scadenza elettorale del 25 settembre, facciamo davvero fatica ad aiutare i lettori (e noi stessi) a dipanarsi nel labirinto di proposte che quasi mai si occupano del futuro degli studenti – che non votano, salvo i pochi maggiorenni – e quasi sempre del presente dei loro insegnanti, che invece votano e che più volte, in passato, hanno fatto valere il loro peso elettorale come gruppo di pressione.

Scuola e politica: citando Hannah Arendt

Se ci è consentita una citazione arendtiana, parleremmo della banalità di un dibattito (quasi sempre circoscritto agli addetti ai lavori, i responsabili scuola dei partiti) che non mette al primo posto la qualità del modello educativo ritenuto più idoneo per una società in forte evoluzione tecnologica e sociale come quella italiana di oggi ma affastella costose e irrealistiche proposte – dagli stipendi “europei” per gli insegnanti al tempo pieno dai 3 anni in su, dai 15 alunni per classe all’assunzione ope legis di 150-200.000 precari – in una affannata rincorsa dai tratti demo-populisti. La banalità del dibattito, mediocre come il “male” della Arendt, è stata notata da autorevoli analisti della politica scolastica, tra i quali Andrea Gavosto, direttore della Fondazione Agnelli (“La scuola bloccata” è il titolo del suo ultimo libro), Fiorella Farinelli, già sindacalista della Cgil e assessore all’educazione al Comune di Roma (“Populismo è una parola grossa, ma diffuse curvature populiste ci può stare”, scrive in un disincantato articolo pubblicato su Education 2.0) e Daniele Checchi, economista del lavoro e dell’istruzione dell’Università Statale di Milano (“Qual è l’idea di scuola dei partiti? Nei programmi elettorali nessuno esplicita apertamente la propria visione, per paura di perdere consensi”, si legge nel suo intervento sul sito lavoce.it). Anche il Centro Studi Erickson fa un’analisi dei programmi elettorali sulla scuola rilevando una mancata centralità dell’istruzione e nessuna visione coerente, rifacendosi allo studio di Tuttoscuola che per prima ha compiuto il 19 agosto una ricognizione e comparazione dei programmi, con successivi approfondimenti delle principali proposte, sottoposte a un puntuale cost checking.

Scuola e politica: una partita persa?

Partita persa? La scuola è irriformabile? Non resta che confidare nella ripresa, dopo le elezioni, di un vasto dibattito pubblico sulla qualità e sul destino del sistema scolastico italiano e sull’ulteriore sviluppo – che per fortuna è in corso e si vede (Tuttoscuola ne è il testimonial) – delle spinte innovative endogene e della transizione alla scuola digitale, tema quest’ultimo quasi ignorato dai partiti nella campagna elettorale in corso.

Scuola e politica: a dialogo con i responsabili scuola dei diversi partiti politici

Nel frattempo si possono ascoltare le interviste ai responsabili scuola dei partiti che Tuttoscuola sta incontrando in apposite dirette, chiamandoli “Alla lavagna”. Ospite di lunedì, 19 settembre, alle 16.30, Irene Manzi, responsabile scuola del Partito Democratico, mentre martedì 20 settembre alle 16:30 la diretta con Luigi Gallo del M5S.

Per approfondimenti:

Programmi elettorali sulla scuola a confronto. INFOGRAFICA

Programmi elettorali sulla scuola: un libro dei sogni

Il tempo pieno a scuola: un sogno da oltre 12 miliardi di euro comune a diverse forze politiche

Eliminare il precariato a scuola, una proposta da almeno 600 milioni di euro

Obbligo scolastico dalla scuola dell’Infanzia: una proposta da oltre 3,5 miliardi di euro all’anno

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Riparte da Gragnano (Napoli), la più importante campagna educativa itinerante realizzata dalla Polizia di Stato e dal Ministero dell’Istruzione, nell’ambito del progetto Generazioni Connesse di sensibilizzazione e prevenzione dei… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Oggi, 5 ottobre 2022, è la Giornata degli insegnanti, in cui si commemora la sottoscrizione delle Raccomandazioni dell’UNESCO sullo status di insegnante, la principale struttura di riferimento per i… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Contratto scuola: “E’ già successo: quasi 2 miliardi di euro destinati alla scuola scostati dai fondi del PNRR. E si prosegue: 300 milioni del budget a… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Pubblicato in Gazzetta Ufficiale, serie generale, del 3 ottobre 2022, il decreto del 28 giugno 2022 contenente il regolamento del Concorso DSGA 2022, che detta le disposizioni concernenti le… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola di Elena Cappai “Riscopriamo il senso della scuola per contribuire alla rinascita del Paese”. E’ il titolo della XXII Conferenza della scuola in Piemonte, che si è… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Diventare docenti 5 Ottobre 2022

Supplenze docenti 2022, le NOMINE: ancora nuovi turni, l’algoritmo continua. Bollettini provinciali

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Supplenze anno scolastico 2022/23: la pubblicazione dei bollettini con i docenti nominati in base alle preferenze espresse nella domanda presentata su Istanze online entro il 16 agosto ore 14.

NOTIZIE 5 Ottobre 2022

Mobility manager: gratis e senza esonero all’insegnamento per il docente interessato. Ministero presenta nuovo testo

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Mobility manager: gratis e senza esonero all’insegnamento per il docente interessato.

NOTIZIE 5 Ottobre 2022

Rinnovo contratto scuola, Aran “gela” i sindacati: la trattativa è ancora lunga

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Rinnovo contratto scuola, Aran “gela” i sindacati: la trattativa è ancora lunga 5 October 2022 Se da una parte i sindacati della scuola “esultano” per i fondi stanziati per il salario accessorio (pari a 300 milioni di euro, l’Aran, invece, “frena”.

NOTIZIE 5 Ottobre 2022

Covid, in caso di nuova ondata tornano le mascherine e lo smart-working. BOZZA Circolare Ministero

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Covid, in caso di nuova ondata tornano le mascherine e lo smart-working.

torna all'inizio del contenuto