NOTIZIE

9 Luglio 2022

Sicilia, 250 milioni di euro contro la dispersione scolastica

Sicilia, 250 milioni di euro contro la dispersione scolastica

9 July 2022

Circa 100 milioni di euro dei 417 milioni destinati alla “Priorità 2 – Istruzione e Formazione”, previsti dal Programma operativo Fse+ 2021-2027”, saranno destinati al miglioramento delle competenze di base e al contrasto alla dispersione scolastica in Sicilia. Lo fa sapere la Regione Siciliana in una nota.

Le risorse serviranno, inoltre, a coprire l’ulteriore fabbisogno di docenti e operatori scolastici per il potenziamento del tempo pieno nella scuola primaria e del tempo prolungato nella scuola secondaria di primo grado. Sono previste anche azioni destinate al personale scolastico per l’aggiornamento professionale e l’innovazione delle metodologie didattiche e il rafforzamento della capacità di governance strategica e amministrativa dell’istituzione scolastica, nonché l’internazionalizzazione del sistema scuola.

In parallelo, la nuova programmazione Fesr prevede risorse per circa 150 milioni di euro che sosteranno la riqualificazione delle infrastrutture scolastiche e delle relative dotazioni tecnologiche ai fini del miglioramento dell’approccio educativo e dell’integrazione nelle comunità territoriali, proprio per il contrasto alla dispersione. Previste anche ulteriori risorse a valere sul Programma nazionale “Scuola e Competenze” Fesr-Fse+ 21-27 direttamente assegnate dal ministero dell’Istruzione.

“Sono in arrivo risorse significative destinate al mondo della scuola e della formazione – dice Alessandro Aricò, assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione professionale – La Regione vigilerà sull’effettiva efficacia delle azioni messe in campo per il superamento dei divari territoriali. Diviene fondamentale, quindi, intervenire con azioni mirate nei contesti più svantaggiati del territorio siciliano per il successo formativo del singolo studente. In questi anni sono stati raggiunti degli obiettivi grazie al lavoro di rete fatto, che ha sostenuto la crescita dei territori e ha permesso di innestare relazioni solidali e collaboranti per una effettiva crescita educativa, culturale e sociale dei nostri ragazzi. È chiaro che c’è ancora molto da fare per il raggiungimento dei target europei ma il percorso avviato ha segnato la giusta traiettoria”.

A queste risorse si aggiungono i circa 74 milioni del Pnrr assegnati alla Sicilia dal ministero dell’Istruzione. La cifra, prevista nel Piano nazionale di riprese e resilienza, è stata messa a disposizione delle scuole per interventi progettuali che serviranno a migliorare i risultati nell’apprendimento delle studentesse e degli studenti che rientrano nella fascia di età 12-18 anni, a contrastare la dispersione scolastica e le povertà educative e a superare i divari territoriali.

La Regione Siciliana è stata pilota nel siglare un accordo con il ministero dell’Istruzione che ha previsto azioni di sistema di contrasto alla dispersione scolastica. Azioni sinergiche, dunque, che il governo Musumeci ha messo in atto, rendendo disponibili circa 120 milioni di euro per la lotta alla dispersione scolastica e alla povertà educativa, investendo su iniziative che hanno consentito risultati significativi, come il potenziamento del tempo pieno per la scuola elementare, il recupero dei ritardi nell’apprendimento, laboratori formativi, tirocini e apprendistato. Risorse che hanno permesso di avviare azioni di tutoring nei confronti degli studenti più fragili durante la pandemia e formazione del personale docente.

Pubblicato da Orazio Niceforo “Stiamo definendo gli ultimi dettagli del nostro programma per le elezioni del 25 settembre. Per noi davanti a tutto, trasversalmente, ci sarà la scuola, con il piano ‘Conoscere… [...]

Pubblicato da Orazio Niceforo I tre partiti ­– Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia – che, insieme ad altre formazioni minori, formano la coalizione di Centro-Destra, che si presenterà unitariamente… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Pubblicate le “Indicazioni strategiche ad interim per preparedness e readiness ai fini di mitigazione delle infezioni da SARS-CoV-2 nell’ambito dei servizi educativi per l’infanzia gestiti dagli… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Sono state pubblicate le graduatorie delle 3.571 scuole dell’infanzia statali beneficiarie dei 267,8 mln di fondi stanziati dall’Avviso pubblico “Ambienti didattici innovativi per la scuola dell’infanzia”.… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola I compiti per le vacanze che tuo figlio deve svolgere lungo tutta la durata del periodo estivo sono tornati. Non senza una certa dose di stress sua… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 14 Agosto 2022

Elezioni 2022 e scuola: precariato, stipendi, edilizia. I programmi dei partiti a confronto. AGGIORNATO CON MOVIMENTO 5 STELLE

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Entra nel vivo lo scontro politico per la campagna elettorale 2022.

Diventare docenti 14 Agosto 2022

Concorso straordinario bis, assunzioni. Scelta provincia e scuole su Istanze online: conseguenze per rinuncia o mancata indicazione sedi

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Concorso straordinario bis, assunzioni.

NOTIZIE 14 Agosto 2022

Pensioni, la crisi spinge verso il ritorno alla Legge Fornero (apprezzata da Bruxelles): ecco cosa può cambiare dal 2023

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Pensioni, la crisi spinge verso il ritorno alla Legge Fornero (apprezzata da Bruxelles): ecco cosa può cambiare dal 2023 14 August 2022 Il prossimo governo dovrà affrontare, tra gli altri temi sul tavolo, anche quello delle pensioni.

NOTIZIE 14 Agosto 2022

Contratto scuola, sarà il prossimo governo a chiudere la trattativa: 300 euro la richiesta dei sindacati, l’esecutivo punta a 120 euro lordi

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Contratto scuola, sarà il prossimo governo a chiudere la trattativa: 300 euro la richiesta dei sindacati, l’esecutivo punta a 120 euro lordi 14 August 2022 Sarà il prossimo governo che uscirà dalle elezioni del 25 settembre a chiudere la trattativa per il rinnovo del contratto.

torna all'inizio del contenuto