Notizie e comunicati

8 Aprile 2019

Stipendi dei docenti italiani e quelli degli altri: il primo ciclo italiano sotto la media UE

Secondo i dati OCSE contenuti in “Regard de l’éducation 2018”, è di 28.514 euro, cioè oltre tre mila euro al di sotto della media dei Paesi dell’UE

A parte il piccolo Lussemburgo che, come per i prof della secondaria, eroga stipendi altissimi anche agli insegnanti degli altri settori scolastici, tutti i principali Paesi dell’Europa centrale e settentrionale assicurano retribuzioni iniziali agli insegnanti di primaria superiori a quelli degli italiani, con la Germania che assegna retribuzioni doppie di quelle italiane.

La retribuzione a fine carriera per i docenti italiani di primaria è di 11 mila euro inferiore alla media dei Paesi europei. Come negli stipendi iniziali, i docenti italiani anche nelle retribuzioni di fine carriera si situano appena sopra a quelle dei colleghi dell’est europeo.

E’ anche vero che gli insegnanti di scuola primaria in Italia sono di più in rapporto al numero di studenti rispetto ad altri paesi: in Italia il numero di alunni di scuola primaria per maestro è di 11,4 (tenendo fuori dal calcolo gli insegnanti di sostegno), rispetto ai 14,1 della media europea. In Francia sono addirittura 19,4, in Germania 15,3, negli Stati Uniti 15,2 (Fonte Ocse, Education at a Glance 2018).

Fermo restando che lo stipendio è assolutamente inadeguato rispetto alla complessità del ruolo svolto, va anche ricordato dunque che a parità di spesa, se il rapporto fosse più vicino alla media degli altri paesi, guadagnerebbero tutti di più.

Vi è analogia di posizioni e di rapporti anche per i professori della secondaria di I grado, che, rispetto alla media retributiva iniziale dei Paesi dell’UE, hanno stipendi annui lordi inferiore di circa 3mila euro.

Gli stipendi di fine carriera dei professori di scuola secondaria di I grado dei Paesi UE superano di circa 10 mila euro annui quelli degli italiani.

Rispetto ai principali Paesi dell’Europa centrale e settentrionale, le retribuzioni dei prof di scuola media italiani è inferiore sia nei valori iniziali di carriera sia nei livelli al top della progressione stipendiale.

Nel confronto con i colleghi francesi i professori italiani la differenza nello stipendio iniziale vede i transalpini in vantaggio di poche centinaia, ma a fine carriera i francesi superano di ottomila euro i docenti di casa nostra.

Gli inglesi che nello stipendio iniziale si trovano al di sotto dei colleghi italiani, a fine carriera superano di oltre mille euro gli italiani.

I docenti del primo ciclo della scuola italiana, come anche quelli della scuola dell’infanzia, sono appesantiti da un gap retributivo rispetto ai collegi europei che soltanto una coraggiosa riforma potrà colmare.       

Intanto in Parlamento, su iniziativa del Movimento 5 Stelle, si discute di ridurre ulteriormente il rapporto alunni-docenti: si pensa di farlo lasciando invariata la retribuzione (il che comporterebbe un aumento di spesa per gli stipendi proporzionale alla riduzione del rapporto), oppure di aumentarla come “vorrebbe tanto” il ministro Bussetti, con conseguente esplosione del costo per stipendi?

Certamente sullo sfondo va tenuto conto del calo demografico, ma quella è un’opportunità che andrebbe inquadrata in un obiettivo di miglioramento complessivo della qualità del sistema formativo.

Da Tuttoscuola.com

Stipendi dei docenti italiani e quelli degli altri: il primo ciclo italiano sotto la media UE

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola La riduzione del Fondo per il sistema integrato 0-6 anni (oltre 20 milioni nel 2025), prevista dalla proposta della Legge di bilancio per l’esercizio 2023, commentata… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola “Nel pomeriggio di oggi, 6 dicembre, terminate le procedure di controllo, le organizzazioni sindacali e l’Aran hanno sottoscritto in via definitiva il testo del Ccnl del… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola “Ho in mente una grande alleanza per la scuola. Ci sono tre sostantivi che ritengo importanti, tre valori: sicurezza, dignità, serenità. Oggi lanciamo una autentica rivoluzione… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Calendario scolastico 2023: manca sempre meno alla prossima pausa dalla didattica. A parte le festività nazionali, uguali per tutti, infatti, le Regioni con proprie delibere decidono… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Una delle ragioni dell’insabbiamento del disegno di legge Zan, nella scorsa legislatura, fu la controversa questione dell’identità di genere, definita nell’art. 1 come “l’i­dentificazione percepita… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 6 Dicembre 2022

Valditara: “Accorperemo 500 scuole, docenti non perderanno lavoro. Rimangono 40mila plessi scolastici”

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Valditara: “Accorperemo 500 scuole, docenti non perderanno lavoro.

NOTIZIE 6 Dicembre 2022

Valditara: “Borse di studio per gli studenti, presto lancerò proposta. Il merito è la valorizzazione dei talenti”

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Valditara: “Borse di studio per gli studenti, presto lancerò proposta.

NOTIZIE 6 Dicembre 2022

Educazione alimentare e al vino nelle scuole, il Governo studia un piano

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Educazione alimentare e al vino nelle scuole, il Governo studia un piano 6 December 2022 A quanto pare il Governo sembra intenzionato a puntare sull’educazione alimentare e dei prodotti come il vino a scuola.

NOTIZIE 6 Dicembre 2022

Cellulari in classe, Valditara: “A scuola si va per studiare, in arrivo una circolare”. Poi ripropone lavori socialmente utili per i bulli

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Cellulari in classe, Valditara: “A scuola si va per studiare, in arrivo una circolare”.

torna all'inizio del contenuto