NOTIZIE

4 Gennaio 2023

Stipendio docenti e Ata, con il taglio del cuneo fiscale quanti soldi in più in busta paga?

Stipendio docenti e Ata, con il taglio del cuneo fiscale quanti soldi in più in busta paga?

4 January 2023

La legge di bilancio 2023 prevede un piccolo aiuto per gli stipendi del personale docente e ATA: il taglio del cuneo fiscale che permette un risparmio in busta paga variabile in base alla fascia di retribuzione.

Cosa si intende per taglio del cuneo fiscale? La somma delle imposte (dirette, indirette, contributi previdenziali) che impattano sul costo del lavoro, sia dalla parte dei datori di lavoro, sia rispetto ai lavoratori dipendenti. Il cuneo fiscale, pertanto, non è altro che la differenza tra lo stipendio lordo versato dal datore di lavoro e lo stipendio netto ricevuto da ogni singolo lavoratore.

La manovra 2023 presenta un taglio del cuneo fiscale fino al 3% per i lavoratori dipendenti con i redditi bassi, un’operazione che pesa oltre 4 miliardi e che prevede l’esonero contributivo del 2% per i redditi fino a 35 mila euro e del 3% per i redditi fino a 25 mila euro.

Il Sole 24 Ore, già nei giorni immediatamente precedenti l’approvazione della manovra, aveva calcolato chi andrebbe a guadagnare di più e chi di meno.

In base a questi calcoli formulati dal quotidiano economico, si evince che per chi guadagna meno di 25mila euro si avrà un risparmio massimo pari a 493,85 euro all’anno.

Ne consegue che i principali beneficiari sono coloro che hanno una fascia retributiva compresa tra 22.500 euro e 25mila euro annui.

Ecco tutte le cifre:

Fino a 10mila euro (pari a 19,25 euro al mese, ovvero a 231 euro l’anno)

Fino a 12.500 euro (pari a 24,06 euro al mese, ovvero a 288,75 annui)

Fino a 15.000 euro (pari a 28,88 euro al mese, ovvero a 346,50 annui)

Fino a 17.500 euro (pari a 28,81 euro al mese, ovvero a 345, 69 annui)

Fino a 20.000 euro (pari a 32,92 euro al mese, ovvero a 395, 08 annui)

Fino a 22.500 euro (pari a 37.04 euro al mese, ovvero a 444.46 annui)

Fino a 25.000 euro (pari a 41, 15 euro al mese, ovvero 493,85 annui)

Come si evince da questi numeri, il risparmio è maggiore aumentando lo stipendio lordo, per cui chi ha uno stipendio lordo fino a 10 mila euro avrà un risparmio annuale di 231 euro, mentre per chi guadagna fino a 25 mila euro si troverà un risparmio di quasi 500 euro in un anno.

Per quanto riguarda la retribuzione degli insegnanti e del personale ATA, prendendo come riferimento di base le retribuzioni da 12500 a 25 mila, si potrà dunque avere un risparmio contributi in busta paga compreso fra i 24 e i 41 euro al mese.

Stipendio gennaio

Come spiegato in un precedente articolo, dopo l’accredito degli arretrati, somme dovute dopo la firma del CCNL tra Aran e Organizzazioni sindacali lo scorso 6 dicembre, cominciano ad essere caricati su NoiPA gli importi relativi al mese di gennaio. Il caricamento avviene a scaglioni e sarà completato nei prossimi giorni.

Gli stipendi verranno pagati il 23 gennaio a tutto il personale a tempo indeterminato e supplente al 30 giugno o 31 agosto.

Ricordiamo che nello stipendio di gennaio non sono comprese le addizioni regionali e comunali, che vengono pagate da marzo a novembre. E’ possibile avere un’idea della modifica all’importo (il dettaglio sarà visibile nel cedolino) confrontando l’importo di gennaio 2022 con quello attuale.

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Tuttoscuola, come altre testate, ha riportato una lettera di un vincitore dell’ultimo concorso a dirigente scolastico in cui evidenziava l’illogicità e l’ingiustizia di due emendamenti… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Non è un fenomeno solo italiano. Negli USA, che pure hanno un sistema scolastico molto più decentrato e flessibile del nostro, prosegue la fuga degli… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Un primo dilemma riguarda il criterio in base al quale gli stipendi dovrebbero essere differenziati: il merito (la qualità del lavoro svolto dal singolo docente,… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Tra poche settimane le scuole saranno chiamate a presentare i progetti del piano Scuola 4.0 per investire i cospicui investimenti messi a disposizione dal PNRR.… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Ultime ore per le iscrizioni del 2023-24 che per la scuola primaria confermeranno con ogni probabilità anche l’anomalia, prevalentemente territoriale, degli anticipi che hanno registrato… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 31 Gennaio 2023

Quale parità di genere nella scuola? Lettera

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Inviato da Mario Bocola – Gli alunni nella scuola italiana e soprattutto nel primo ciclo d’istruzione si identificano nella figura della maestra e della professoressa e la riconoscono una “figura materna” dolce, sensibile, amorevole.

NOTIZIE 31 Gennaio 2023

Doppio lavoro senza autorizzazione: docente di ruolo licenziata

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Doppio lavoro senza autorizzazione: docente di ruolo licenziata 31 January 2023 Doppio lavoro senza autorizzazione: così è stata licenziata una docente dopo aver superato il concorso e ottenuto il ruolo nel 2018.

NOTIZIE 30 Gennaio 2023

Iscrizioni, dal 31 gennaio gestione domande sul SIDI. Tutti gli adempimenti delle scuole. NOTA

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Skip to content Iscrizioni, dal 31 gennaio gestione domande sul SIDI.

NOTIZIE 30 Gennaio 2023

Dalla richiesta della carta d’identità all’Isee fino alle visure catastali. Nasce Polis, lo sportello digitale per la Pa di Poste Italiane

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Dalla richiesta della carta d’identità all’Isee fino alle visure catastali.

torna all'inizio del contenuto