Atti e normativa

4 Giugno 2019

Tempo pieno, ritardo massimo

Decreto approdato dopo tre mesi in Conferenza unificata, che ora chiede tavolo al Miur

di Emanuela Micucci

Corsa contro il tempo per incrementare di 2 mila posti il tempo pieno alla scuola primaria. Con circa tre mesi di ritardo è approdato, giovedì scorso, in Conferenza Unificata lo schema di decreto del Miur sulle modalità per aumentarlo, così come previsto dalla legge di Bilancio 2019 che però stabiliva l’emanazione del decreto entro l’inizio di marzo. Parere favorevole quello espresso della Conferenza Unificata, perché la norma prevede un aumento dell’organico di 2 mila docenti nella primaria per potenziare l’offerta del tempo pieno nelle scuole primarie.

Tuttavia al Miur arriva anche un richiamo: i criteri di riparto dei posti a livello nazionale sia secondo le regioni sia secondo la Conferenza Unificata non rispondono all’obiettivo di incrementare davvero il tempo pieno secondo i fabbisogni territoriali espressi dagli enti locali. Di qui la richiesta al Miur di un tavolo per condividere questi criteri dal prossimo anno. Richiesta, tra l’altro, già ribadita in passato al ministero dell’istruzione. Dai rappresentanti di M5S in Commissione Cultura della Camera era arrivata la previsione del ricorso per la ripartizione dei posti al criterio perequativo e non demografico, basato cioè sulla popolazione studentesca.

L’aumento dell’organico sarebbe cioè stato frutto di una valutazione che avrebbe tenuto conto anche del gap tra Nord e Sud nell’offerta del servizio del tempo pieno, nell’ottica di un miglioramento delle situazioni più critiche. Metà dei posti previsti, 941, sono destinati al Sud, concentrati in tre regioni: Campania, Sicilia e Puglia. Mentre 729 docenti in più per il tempo pieno si avranno al Nord, con in testa Lombardia, Emilia Romagna, Veneto e Piemonte. Circa la metà dei 330 insegnati previsti nel Centro saranno destinati al Lazio, seguito dalla Toscana. Tuttavia, aumentare le ore della scuola il pomeriggio significa anche avere a scuola locali da adibire a mensa, che in Sicilia, la regione italiana con al percentuale minore di tempo pieno, il 14,7%, mancano. Né le famiglie siciliane mostrano di essere interessate al servizio.

Il numero di richieste arrivate alle scuole durante le iscrizioni, infatti, non consentono di istituire altre classi di tempo pieno. Così il 39% di tutte le cattedre assegnate nelle primarie della regione verranno restituite al Miur. Così, i posti non assegnati in Sicilia prenderanno la strada delle regioni del Nord e del Centro, dove il servizio già copre la metà delle classi funzionanti, come nel Lazio (53%), in Lombardia (53%) e in Piemonte (48%). È, infatti, caduta nel vuoto, anche la richiesta dei sindacati di potenziare il tempo pieno già attuato pur di salvare le cattedre nella regione. Si tratta di un problema analogo a quello presentatosi nei primi anni Novanta quando entrò in vigore la legge 148 con l’obbligo di far funzionare le classi anche per almeno due pomeriggi alla settimana. Allora una circolare ministeriale stabilì in via provvisoria che si sarebbe potuto concentrare tutto nell’orario antimeridiano: dalle 8,30 alle 14.

Tempo pieno, ritardo massimo

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Nell’ultimo decennio meno scuole ma sempre più grandi: in media ogni istituzione scolastica ha più alunni (+6%), più classi (+13%), più docenti (+39%), più plessi (da… [...]

Pubblicato da Anna Maria De Luca* Una “chiamata alle armi” per tutti coloro che lavorano, a qualsiasi titolo, nel mondo della scuola. È questo il senso delle poche righe che… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Dal 13 al 22 aprile e dal 15 al 25 luglio del 2023. Sono le due sessioni in cui potranno essere effettuate le prove per il TOLC (acronimo… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Sei un docente o un collaboratore scolastico? Sai che potresti avere una spada di Damocle sopra la testa?  Scopri perché, guarda il video La normativa vigente… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola “Sul tema del dimensionamento scolastico vorrei precisare che le scelte del dicastero vanno nella doppia direzione di mitigare gli effetti delle normative precedenti e di osservare… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Diventare docenti 2 Dicembre 2022

Supplenze docenti, a dicembre ancora nomine da GPS 2022 con algoritmo

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Supplenze anno scolastico 2022/23: la pubblicazione dei bollettini con i docenti nominati in base alle preferenze espresse nella domanda presentata su Istanze online entro il 16 agosto ore 14.

Guide e Vademecum 2 Dicembre 2022

La gestione amministrativa e contabile con riflessioni sull’attività negoziale per i PON

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Argomenti La Dirigenza scolastica This category can only be viewed by members.

Guide e Vademecum 2 Dicembre 2022

L’ossiuriasi, cos’è: un esempio di circolare con protocollo di intervento

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email La Dirigenza scolastica 2 Dic 2022 – 06:21 Di Antonio Fundarò L’ossiuriasi, cos’è: un esempio di circolare con protocollo di intervento 2 December 2022 L’ossiuriasi è un’infezione abbastanza frequente e diffusa tra i bambini.

Guide e Vademecum 2 Dicembre 2022

Iscrizioni 2023/24 dal 9 al 30 gennaio: gli adempimenti delle scuole

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Argomenti Scadenze This category can only be viewed by members.

torna all'inizio del contenuto