Notizie e comunicati

4 Febbraio 2019

Unioncamere premia l’alternanza, aperte le candidature

Dal 1° febbraio è possibile presentare la domanda di iscrizione per la sessione del primo semestre 2019 del premio “Storie di alternanza”

L’iniziativa di Unioncamere e delle Camere di commercio italiane per raccontare i progetti di alternanza scuola-lavoro ideati e realizzati da studenti e tutor degli Istituti scolastici italiani di secondo grado. L’obiettivo dell’iniziativa è dare visibilità alle migliori esperienze di formazione “on the job”, promuovendo la qualità dei progetti e attivando una sempre maggiore collaborazione tra scuole, imprese ed enti coinvolti nei progetti.

Come partecipare 
Due i livelli di partecipazione al premio: il primo locale, promosso e gestito dalle Camere di commercio aderenti e il secondo nazionale, gestito da Unioncamere, al quale si accede solo dopo aver superato la selezione locale. Fino al 12 aprile 2019 è possibile presentare la domanda di iscrizione per la sessione relativa al primo semestre 2019.
Tutte le info sul sito dedicato: www.storiedialternanza.it/

Fonte dell’articolo: Il Sole 24 Ore

Unioncamere premia l’alternanza, aperte le candidature

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola La riduzione del Fondo per il sistema integrato 0-6 anni (oltre 20 milioni nel 2025), prevista dalla proposta della Legge di bilancio per l’esercizio 2023, commentata… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola “Nel pomeriggio di oggi, 6 dicembre, terminate le procedure di controllo, le organizzazioni sindacali e l’Aran hanno sottoscritto in via definitiva il testo del Ccnl del… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola “Ho in mente una grande alleanza per la scuola. Ci sono tre sostantivi che ritengo importanti, tre valori: sicurezza, dignità, serenità. Oggi lanciamo una autentica rivoluzione… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Calendario scolastico 2023: manca sempre meno alla prossima pausa dalla didattica. A parte le festività nazionali, uguali per tutti, infatti, le Regioni con proprie delibere decidono… [...]

Pubblicato da Orazio Francesco Niceforo Una delle ragioni dell’insabbiamento del disegno di legge Zan, nella scorsa legislatura, fu la controversa questione dell’identità di genere, definita nell’art. 1 come “l’i­dentificazione percepita… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

NOTIZIE 6 Dicembre 2022

Valditara: “Accorperemo 500 scuole, docenti non perderanno lavoro. Rimangono 40mila plessi scolastici”

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Valditara: “Accorperemo 500 scuole, docenti non perderanno lavoro.

NOTIZIE 6 Dicembre 2022

Valditara: “Borse di studio per gli studenti, presto lancerò proposta. Il merito è la valorizzazione dei talenti”

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Valditara: “Borse di studio per gli studenti, presto lancerò proposta.

NOTIZIE 6 Dicembre 2022

Educazione alimentare e al vino nelle scuole, il Governo studia un piano

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Educazione alimentare e al vino nelle scuole, il Governo studia un piano 6 December 2022 A quanto pare il Governo sembra intenzionato a puntare sull’educazione alimentare e dei prodotti come il vino a scuola.

NOTIZIE 6 Dicembre 2022

Cellulari in classe, Valditara: “A scuola si va per studiare, in arrivo una circolare”. Poi ripropone lavori socialmente utili per i bulli

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Cellulari in classe, Valditara: “A scuola si va per studiare, in arrivo una circolare”.

torna all'inizio del contenuto