NOTIZIE

22 Luglio 2022

Utilizzo delle aule e delle aule speciali: in allegato due esempi di regolamento

Utilizzo delle aule e delle aule speciali: in allegato due esempi di regolamento

22 July 2022

Sono numerosi gli istituti scolastici italiani che hanno deciso di dotarsi di particolari strumenti regolamentari per l’utilizzo delle aule, anche quando queste siano “speciali”. Ma vediamo insieme quali caratteristiche devono possedere i regolamenti

L’utilizzo delle aule speciali per fini didattici

L’utilizzo delle aule speciali è consentito esclusivamente per fini didattici, prioritariamente ai docenti delle discipline interessate. Ma vediamo come dovrebbe essere disciplinato detto utilizzo in base a quanto è stato previsto dall’istituto di Istruzione Superiore “Lorenzo Guetti” di Tione di Trento diretto con competenza, qualità manageriali e gestionali dal Dott. Alessandro Fabris:

  • entro il mese di ottobre di ogni anno scolastico, o comunque dopo la stesura dell’orario definitivo delle lezioni, il Responsabile d’aula speciale (che sarebbe opportuno nominare) od un suo incaricato provvede, se ritiene opportuno, alla formulazione di un orario settimanale di utilizzo dell’aula sulla base delle indicazioni espresse dai singoli docenti, dell’orario delle lezioni e della necessità di assicurare a tutte le classi l’accesso settimanale. L’orario di utilizzo è visibile tramite Registro elettronico;
  • se il docente non dovesse utilizzare l’aula sarebbe tenuto, col massimo anticipo possibile, a disdire la prenotazione per permettere l’utilizzo agli altri docenti;
  • nelle ore non calendarizzate o disdette la prenotazione da parte dei docenti deve essere effettuata tramite Registro elettronico;
  • nelle aule speciali non è permesso accedere in assenza del docente o di specifica autorizzazione da parte del Dirigente scolastico o del Responsabile.

Le norme di comportamento nelle aule speciali

Nelle aule speciali, come si legge nel brillante “Regolamento utilizzo delle Aule Speciali” dell’istituto di Istruzione Superiore “Lorenzo Guetti” di Tione di Trento diretto con qualità manageriali dal Dott. Alessandro Fabris, si deve mantenere un comportamento corretto e rispettoso delle attrezzature e degli arredi; in tutte le attività gli studenti sono tenuti a seguire le indicazioni dei docenti, evitando di prendere iniziative personali; è obbligatorio attenersi scrupolosamente alle norme di sicurezza e, in particolare, lasciare libere le vie di fuga.

Per un corretto utilizzo delle aule

Per un corretto utilizzo delle aule, per una attenta cura delle aule e degli arredi, ogni studente:

  • deve avere la massima cura del banco e della sedia che occupa e rispetto dell’ambiente aula (arredamento, pavimento, infissi, altro);
  • deve utilizzare gli strumenti e le attrezzature didattiche presenti in aula (PC, LIM, altro) solo alla presenza dei docenti e secondo le loro indicazioni. È vietato manomettere il PC, modificare le configurazioni del sistema e utilizzare/caricare software estranei o connessioni a Internet non autorizzate.

Cosa è necessario fare

Cosa è previsto o non è previsto fare lo suggerisce l’eccezionale “Regolamento utilizzo delle Aule” dell’istituto di Istruzione Superiore “Lorenzo Guetti” di Tione di Trento diretto con qualità manageriali dal Dott. Alessandro Fabris,:

  • eventuali malfunzionamenti, guasti o rotture vanno tempestivamente segnalati al collaboratore scolastico o all’assistente di laboratorio scolastico informatico di pertinenza;
  • eventuali danni arrecati alle attrezzature o agli arredi presenti in aula saranno addebitati per il risarcimento ai responsabili;
  • non è consentito incollare materiale cartaceo direttamente sulle pareti al di fuori degli spazi previsti;
  • le eventuali spese di manutenzione per la pulizia o per il ripristino degli elementi danneggiati saranno imputate ai singoli responsabili o, se è il caso, all’intera classe;
  • per favorire il corretto servizio di pulizia giornaliera, si ricorda di non lasciare materiale scolastico (da riporre se mai negli appositi armadi), corredo personale o altro sotto i banchi;
  • il docente coordinatore di classe avrà cura di segnalare comportamenti non rispettosi.

Risparmio energetico

Il docente coordinatore , come si legge nel brillante “Regolamento utilizzo delle Aule” dell’istituto di Istruzione Superiore “Lorenzo Guetti” di Tione di Trento, che si allega, come quello delle “Aule speciali” come esempio di eccellente pratica a scuola, segnalerà eventuali disfunzioni rispetto alla temperatura (troppo caldo o troppo freddo); qualora la classe sia impegnata in palestra o in laboratorio, il docente e gli studenti avranno cura di controllare che si spengano le luci dell’aula lasciata libera. Si ricorda che il modo migliore per cambiare l’aria, senza disperdere energia, è aprire completamente le finestre per qualche minuto e non tenere aperto per lungo tempo il serramento verso l’interno (vasistas).

La raccolta differenziata

Gli studenti devono attuare correttamente la raccolta differenziata, utilizzando i contenitori presenti in aula.

Sicurezza

Nelle aule i banchi devono essere disposti in modo da garantire facili vie di fuga. Anche gli zaini devono essere collocati in modo da non intralciare le vie di fuga; nei casi di emergenza (terremoto, incendio, pericoli per la salute) studenti e docenti devono attenersi scrupolosamente alle indicazioni contenute nelle procedure di emergenza e alle istruzioni ricevute durante gli incontri d’informazione e formazione sulla sicurezza.

Il compito dei docenti

I docenti, al fine di promuovere negli studenti comportamenti virtuosi, controlleranno la corretta applicazione del Regolamento.

Regolamento utilizzo delle aule scolastiche

Regolamento aule speciali

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Sono state pubblicate le graduatorie delle 3.571 scuole dell’infanzia statali beneficiarie dei 267,8 mln di fondi stanziati dall’Avviso pubblico “Ambienti didattici innovativi per la scuola dell’infanzia”.… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola I compiti per le vacanze che tuo figlio deve svolgere lungo tutta la durata del periodo estivo sono tornati. Non senza una certa dose di stress sua… [...]

Pubblicato da Simone Consegnati La scuola dell’infanzia, che molti di noi chiamano ancora ostinatamente “materna” o, peggio, “asilo”, può essere gestita da tre tipi di enti: lo Stato, i comuni,… [...]

Pubblicato da Marco Braghero Viaggio nella scuola finlandese. Ci chiediamo spesso”Cambiare la scuola italiana: è davvero necessario?” La crisi profonda del nostro sistema educativo lo imporrebbe, ma il cambiamento dovrebbe… [...]

Pubblicato da Nicoletta Appignani Quanto è importante oggi nella formazione, nell’apprendimento, in definitiva nel percorso scolastico di uno studente la possibilità di conoscere nuove realtà, di misurarsi con esperienze di… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Scuola dell’infanzia, pubblicate le graduatorie: 267,8 mln per ambienti didattici innovativi

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuola dell’infanzia, pubblicate le graduatorie: 267,8 mln per ambienti didattici innovativi 12 August 2022 Sono state pubblicate le graduatorie delle 3.

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Scuola dell’Infanzia: tutto quello che non sai (e che invece tuo figlio vorrebbe che conoscessi)

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuola dell’Infanzia: tutto quello che non sai (e che invece tuo figlio vorrebbe che conoscessi) 12 August 2022 La scuola dell’infanzia, che molti di noi chiamano ancora ostinatamente “materna” o, peggio, “asilo”, può essere gestita da tre tipi di enti: lo Stato, i comuni, e i privati, che spesso sono congregazione religiose.

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Scuola, cosa imparare dal modello finlandese: non copiare, ma innovare

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuola, cosa imparare dal modello finlandese: non copiare, ma innovare 12 August 2022 Viaggio nella scuola finlandese.

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Come scegliere e organizzare una gita scolastica

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Come scegliere e organizzare una gita scolastica 12 August 2022 Quanto è importante oggi nella formazione, nell’apprendimento, in definitiva nel percorso scolastico di uno studente la possibilità di conoscere nuove realtà, di misurarsi con esperienze di vita differenti, di visitare musei, città lontane, addirittura paesi stranieri? Le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi che fanno le persone, scriveva Steinbeck.

torna all'inizio del contenuto