Tutto scuola

6 Agosto 2022

Verso le elezioni: le proposte per la scuola del Partito Democratico

Verso le elezioni: le proposte per la scuola del Partito Democratico

6 August 2022

Continua il nostro viaggio verso le elezioni. Oggi presentiamo le proposte per la scuola del Partito Democratico. Nel sito del Partito Democratico compaiono 12 schede, presentate come “materiali della campagna elettorale 2022” (cliccare qui per leggerle), tre delle quali si occupano di scuola. Eccole:

  1. CHI STUDIA IN ITALIA È ITALIANO. Jus scholae per i bambini che vanno a scuola con i nostri figli. Chi è figlio di genitori stranieri e completa un ciclo di studi in Italia diventa cittadino italiano.
  2. MAI PIÙ FINTI STAGE. Nel mercato del lavoro solo apprendistato retribuito. Gli stage extra-curriculari non saranno più consentiti per legge; sarà invece possibile utilizzare contratti di apprendistato retribuito, le cui forme di attivazione saranno rese via via sempre più semplici.
  3. I BAMBINI SONO TUTTI UGUALI. Scuola dell’infanzia obbligatoria e gratuita. Accesso alla scuola dell’infanzia gratuito su tutto il territorio nazionale, introducendone così l’obbligo e favorendo l’uguaglianza nei primi passi del percorso di studi.

Sempre all’interno delle proposte per la scuola del Partito Democratico, in un ampio documento programmatico, intitolato “Più forte, più giusta. L’Italia” (cliccare qui per leggere l’intero documento), vengono indicati i seguenti obiettivi:

  • combattere la burocrazia, liberando la scuola e i dirigenti scolastici da compiti e funzioni non strettamente connessi al “fare scuola”, in modo che possano concentrarsi sulla progettazione, organizzazione e gestione delle attività didattiche e formative;
  • far crescere nelle scuole la cultura e la pratica della valutazione e dell’autovalutazione;
  • procedere alla revisione, snellimento, coordinamento e semplificazione delle normative relative alla scuola, per renderle comprensibili e facilmente utilizzabili da tutti;
  • garantire ai docenti opportunità di crescita professionale; (obiettivo evidenziato nel testo. NdR)
  • promuovere formazione iniziale, formazione in servizio e aggiornamento professionale;
  • riconoscere la funzione specifica svolta dal personale Ata non solo nell’ambito del lavoro amministrativo, ma anche in quello di supporto alla didattica e relazione con gli studenti;
  • definire il costo standard di sostenibilità anche per promuovere il pluralismo educativo e una migliore offerta formativa per il diritto allo studio.

Infine tra le proposte per la scuola del Partito Democratico troviamo quella di “istituire delle ‘aree di priorità educativa’ nelle aree marginali con i più alti tassi di abbandono e di povertà”, dove inviare “un esercito di maestre e di maestri: più docenti e comunità educante, appositamente formati e valorizzati in modo che gli studenti siano seguiti meglio e con piani educativi personalizzati”. (O.N.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola Sono state pubblicate le graduatorie delle 3.571 scuole dell’infanzia statali beneficiarie dei 267,8 mln di fondi stanziati dall’Avviso pubblico “Ambienti didattici innovativi per la scuola dell’infanzia”.… [...]

Pubblicato da Redazione Tuttoscuola I compiti per le vacanze che tuo figlio deve svolgere lungo tutta la durata del periodo estivo sono tornati. Non senza una certa dose di stress sua… [...]

Pubblicato da Simone Consegnati La scuola dell’infanzia, che molti di noi chiamano ancora ostinatamente “materna” o, peggio, “asilo”, può essere gestita da tre tipi di enti: lo Stato, i comuni,… [...]

Pubblicato da Marco Braghero Viaggio nella scuola finlandese. Ci chiediamo spesso”Cambiare la scuola italiana: è davvero necessario?” La crisi profonda del nostro sistema educativo lo imporrebbe, ma il cambiamento dovrebbe… [...]

Pubblicato da Nicoletta Appignani Quanto è importante oggi nella formazione, nell’apprendimento, in definitiva nel percorso scolastico di uno studente la possibilità di conoscere nuove realtà, di misurarsi con esperienze di… [...]

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Salvataggio di un cookie con i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento

Ultimi articoli

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Scuola dell’infanzia, pubblicate le graduatorie: 267,8 mln per ambienti didattici innovativi

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuola dell’infanzia, pubblicate le graduatorie: 267,8 mln per ambienti didattici innovativi 12 August 2022 Sono state pubblicate le graduatorie delle 3.

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Scuola dell’Infanzia: tutto quello che non sai (e che invece tuo figlio vorrebbe che conoscessi)

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuola dell’Infanzia: tutto quello che non sai (e che invece tuo figlio vorrebbe che conoscessi) 12 August 2022 La scuola dell’infanzia, che molti di noi chiamano ancora ostinatamente “materna” o, peggio, “asilo”, può essere gestita da tre tipi di enti: lo Stato, i comuni, e i privati, che spesso sono congregazione religiose.

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Scuola, cosa imparare dal modello finlandese: non copiare, ma innovare

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Scuola, cosa imparare dal modello finlandese: non copiare, ma innovare 12 August 2022 Viaggio nella scuola finlandese.

Tutto scuola 12 Agosto 2022

Come scegliere e organizzare una gita scolastica

x Share on Social Media twitter facebook pinterest email Come scegliere e organizzare una gita scolastica 12 August 2022 Quanto è importante oggi nella formazione, nell’apprendimento, in definitiva nel percorso scolastico di uno studente la possibilità di conoscere nuove realtà, di misurarsi con esperienze di vita differenti, di visitare musei, città lontane, addirittura paesi stranieri? Le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi che fanno le persone, scriveva Steinbeck.

torna all'inizio del contenuto